Apple ha pagato "ben" 3 milioni di tasse in Italia, più di Google, Facebook e Amazon insieme

E-mail Stampa PDF

Apple sarà anche in crisi e sarà anche estremamente sottovalutata, come afferma Carl Icahn, ma nel 2012 l'azienda di Cupertino ha macinato profitti in tutto il mondo per quasi 42 miliardi di dollari. Non così bene sembra essere andata per le filiali italiane, Apple Retail Italia ed Apple Italia, secondo i bilanci visionati dall'agenzia di stampa Ansa.

  

La prima società, Apple Retail Italia, è quella che possiede i 13 Apple Store sul territorio nazionale: nel 2012 la società ha quasi raddoppiato il fatturato, da 127 a 250 milioni di euro, tuttavia, prima delle imposte, si è ritrovata con una perdita da 11,5 milioni, con il risultato di non pagare alcunché di tasse e anzi ottenere dal fisco un credito da 2,5 milioni.

Il motivo per il quale la società italiana è finita in perdita, nonostante un tale aumento delle vendite, deriva dal fatto che la controllata italiana acquista i prodotti che vende in Italia dalle società irlandesi, esportando così i profitti e lasciando in Italia le perdite.

Apple Italia, invece, è la società di «supporto alle vendite e ai servizi di marketing» per un'altra società controllata da Cupertino, la Apple Distribution, con sede, neanche a dirlo, in Irlanda: Apple Italia, dopo i soliti rimbalzi di fatture con la casa madre e le altre sorelle irlandesi, ha generato un utile da 10,7 milioni, di cui ha girato allo Stato circa la metà, 5,5 milioni.

Tolto il credito con il fisco di Apple Retail Italia, le tasse nette che Cupertino ha lasciato in Italia si aggirano appunto intorno ai tre milioni di euro. Non male se si considera che il giro d'affari di Apple Italia dovrebbe essere di circa 2 miliardi, e qualche centinaio di milioni di utili.

Va detto però che Apple è la più generosa con il fisco italiano: Facebook, infatti, nel 2012 ha pagato 192 mila euro di tasse in Italia, Amazon 950 mila, mentre Google è arrivata a ben 1,8 milioni. Se aggiungiamo le tasse di Apple i quattro colossi del web non arrivano 6 milioni di euro pagati allo Stato italiano da quattro delle più grandi multinazionali del mondo.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/54425/20130814/apple-tasse-italia-google-facebook-amazon.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili