L'Europa e la ripresa: Moody's richiama tutti alla realtà della crisi

E-mail Stampa PDF

Luci ed ombre: la flebile luce appena osservata in fondo al tunnel non può, secondo Moody's, cancellare tutte le 'ombre' di questa crisi dell'Eurozona. Se nel breve termine, dunque, questa estate 2013 ha rispolverato un certo ottimismo circa le condizioni economiche che ci attendono, dall'altra parte - focalizzando l'attenzione su un futuro più distante - i 'soliti problemi' della vecchia Europa tornano a tormentarci. 

  

"Gli eccessivi livelli di vecchio debito impediscono il flusso del nuovo credito" in Paesi quali Italia, Spagna e Grecia - spiega Moody's Analytics - togliendo un appiglio fondamentale alla crescita. La crescita mostrata ora nel breve acuisce quelle spaccature tra il nord ed il sud dell'Eurozona ed è la comprova di quanto poco l'abbattimento dei tassi della Bce abbia giovato a consumatori ed imprese. Il sogno di una notte di 'mezza' estate è, per il colosso del rating a stelle e strisce, solo un piccolo palliativo, al più uno sprazzo di chiarore in un quadro ancora caratterizzato da tinte fosche.

"Il problema di trasmissione della Bce [permane]", "la ripresa è in ritardo e sembra alla meglio modesta. I problemi fondamentali devono ancora essere risolti. Gli elevati livelli di debito pubblico e privato dell'area euro restano una preoccupazione. L'elevato debito pesa sulla crescita, rendendo le famiglie meno propense a spendere, riducendo gli investimenti e le spese del governo. Ristrutturare il debito pubblico e privato potrebbe essere l'unica soluzione per i paesi che hanno elevati livelli di debito pubblico".

Il futuro? Per tornare ai livelli di crescita pre-crisi, secondo l'agenzia americana, sarà necessario attendere fino al 2015: a sostegno, se non alla base, di tale crescita ci saranno - secondo Moody's Analytics - le domande dei Paesi emergenti e - 'sorpresa' - la crescente e rinnovata domanda della 'sempre affidabile' economia americana.

 

Articoli correlati:

 - Arriva la ripresina: fuori dalla recessione Eurozona, Francia e, a sorpresa, Portogallo 

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/54444/20130816/europa-crisi-eurozona-crescita-ripresa-breve-termine-aspettative-moody-s-rating-usa-debito-pubblico.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili