Crisi India: la Banca centrale costretta ad intervenire, la rupia collassa e i tassi salgono

E-mail Stampa PDF

La situazione dell'India è preoccupante, inutile negarlo. La Reserve Bank of India ne è consapevole e annuncia che immetterà circa 1,3 miliardi di dollari (circa 80 miliardi di rupie) nel sistema bancario del Paese comprando bond governativi a lungo termine. L'onda (finanziaria) anomala che genererà il tapering americano, (la riduzione progressiva del piano di stimoli da $85 miliardi al mese), sta letteralmente affossando la già debole rupia. Sempre più operatori segnalano come settembre sia il mese giusto per l'inizio del tapering: la risposta della moneta indiana è tutta in quel -16,0% nei confronti del dollaro americano rispetto alle quotazioni dello scorso maggio. Lo scivolone di ieri, con il cambio a 63,13 contro il dollaro, segna un nuovo minimo storico.

  

I capitali esteri fuggono impauriti, la debolezza ormai quasi cronica della moneta indiana spaventa anche gli investitori più audaci a caccia di rendimenti interessanti. Il tutto, ovviamente, non aiuta quel noto deficit della bilancia dei pagamenti. Un pesante clima di sfiducia affossa l'economia indiana: il tasso di rendimento del bond decennale ha registrato l'ennesimo record al 9,48%, il tasso più alto dall'ormai lontano 2001.

La Reserve Bank of India è stata costretta, dunque, a correre ai ripari: "è importante assicurare che la stretta sulla liquidità [interest rate aumentato e cap ai prestiti, ndr] non peggiori nettamente gli yield e non comprometta il flusso di credito verso i settori produttivi dell'economia". L'acquisto di bond di cui sopra, annuncia la RBI, avverrà tramite Open Market Purchase Operations (OMOs) a partire dal prossimo 23 agosto.

Ashish Parthasarthy, treasurer alla HDFC Bank, prova ad essere ottimista: "queste misure porteranno una rapida discesa degli yield dei bond a 10 anni (...) [e] aiuteranno la rupia", invogliando gli investitori stranieri a tornare nuovamente sul mercato del debito indiano con l'aspettativa di tassi d'interesse calanti.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/54623/20130821/india-banca-centrale-rupia-crollo-debito-bilancia-pagamenti-investimenti-esteri-rendimento-bond.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili


Articoli correlati

Purtroppo non ci sono articoli correlati