"Pay for peace": JPMorgan pronta a pagare $4 miliardi per chiudere con il passato

E-mail Stampa PDF

"Pay for peace" - il colosso d'affari JPMorgan Chase conduce una delicatissima trattativa con le autorità americane per porre fine alla lunga lista di accuse di illecito in materia di mortgage securities.

  

Voci di corridoio parlano di un'offerta, da parte di JPMorgan, da 4 miliardi di dollari per chiudere tutte le dispute legali in corso. Un costoso colpo di spugna che metterebbe la banca d'affari nella condizione di poter 'annullare', definitivamente ed in un sol colpo, tutte le cause civili in atto. Dalla querela del procuratore generale di New York alle accuse partite dagli uffici legali in California e Pennsylvania: ogni singola voce legata alla vendita dei subprime verrebbe 'zittita' istantaneamente.

Un patto assolutamente non facile da raggiungere. Molte sono le parti in ballo e gli interessi sulla vicenda superano di gran lunga la 'cifra trapelata' offerta dalla banca. Basti pensare che la FHFA, Federal Housing Finance Agency, aveva citato in giudizio JPMorgan - insieme ad altre dodici banche - con una richiesta di indennizzo da 6 miliardi di dollari. La stipula di questo "pay for peace" con le autorità, ovviamente, riguarderebbe anche questa specifica querela. Il governo Usa, d'altro canto, sembrerebbe intenzionato a chiudere la vicenda con una multa di ben altri livelli.

JPMorgan Chase vuole rompere definitivamente i ponti con il burrascoso passato: l'esempio più eclatante è la recente multa da 920 milioni di dollari pagata alle autorità inglesi ed americane per il caso della "London Whale". Una sorta di indulgenza comprata a suon di denari, un nostalgico ritorno all'epoca medievale: in questa anacronistico mondo finanziario basta pagare (bene) per espiare i propri peccati.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/56422/20130925/jpmorgan-chase-multa-autorit-usa-mortgage-subprime-london-whale.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili


Articoli correlati

Purtroppo non ci sono articoli correlati