Moody's - downgrade per Telecom a livello "spazzatura", la replica: "Il gruppo è solido"

E-mail Stampa PDF

Una sottile linea separa le società 'buone' da quelle 'cattive'. Esiste una soglia, per le agenzie di rating, che una volta passata getta la società di turno in quel purgatorio di imprese 'poco raccomandabili'. Nella classifica fatta di simboli, per Moody's, quel limite invalicabile è il giudizio fisso a Baa3: l'ultimo baluardo dell' "Investment Grade". 

  

Telecom ha ora, ufficialmente, passato il valico ritrovandosi con un fresco rating a Ba1: sotto, precisamente, quella speciale soglia nella terra del "Non-Investment Grade". Le reazioni dei mercati non si faranno attendere: troppi gli scossoni ricevuti negli ultimi tempi dalla società, troppo importanti i cambiamenti in atto per poter dire 'il futuro è sicuro e solido tanto quanto prima'. Si aggiunga che il contesto operativo italiano non è certo dei migliori ed ecco spiegata, sommariamente, la presa di posizione dell'agenzia di rating Moody's contro Telecom.

Un declassamento ormai annunciato, nell'aria. Uno smacco non evitabile, poi, viste le recenti dimissioni del timoniere Franco Bernabè.

"E' aumentata l'incertezza per quanto riguarda la capacità della società di rafforzare il proprio bilancio in misura sufficiente a mitigare la tendenza al calo nelle sue entrate nazionali e del margine operativo lordo", questo il commento dell'agenzia di rating a margine del downgrade (accompagnato, poi, da un outlook negativo).

L'altra campana, tuttavia, non sembra pensarla (ovviamente) allo stesso modo. Telecom ha prontamente risposto a Moody's pubblicando una nota: "Il gruppo è solido a livello industriale e finanziario (...) [con] una forte generazione di cassa, un margine di liquidità per 12,8 miliardi di euro e redditività tra le più alte del comparto (...) Nel corso degli anni Telecom Italia ha perseguito un approccio prudente alla gestione dei rischi finanziari, mantenendo un margine di liquidità almeno pari alle scadenze del debito dei successivi 18/24 mesi".

Un abisso di pensiero divide ovviamente le due posizioni tanto da portare Moody's a classificare Telecom come "Junk", spazzatura. "Riconosciamo - spiega l'agenzia - come Telecom Italia abbia limitate opzioni per rafforzare i propri bilanci".

"Prendiamo atto del corrente ampio accesso alla liquidità da parte della compagnia (...) [ma] l'outlook negativo riflette le aspettative di Moody's che prevedono (...) una transizione del management, la recessione in Italia, una regolamentazione avversa e livelli competitivi crescenti (...) ulteriori future pressioni al ribasso sul rating sono potenzialmente previste qualora le generali condizioni economiche dell'Italia continuassero ad avere un effetto negativo sulle performance operative di Telecom".

 

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/57209/20131009/telecom-moody-s-rating-downgrade-nota-bernabe-junk-outlook-negativo-mercati.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili