Paesi Bassi, accordo sul budget, ma nel 2014 il deficit potrebbe sforare ancora

E-mail Stampa PDF

Le trattative sul budget dei Paesi Bassi sono finalmente arrivate alla fumata bianca nella giornata di venerdì: il governo guidato da Mark Rutte è riuscito a raggiungere un accordo al Senato con due piccoli partiti cristiani dopo due settimane di negoziazioni.

  

L'accordo dovrebbe portare l'economia olandese a raggiungere il target di deficit dell'Unione Europea nel 2014, mentre resta confermato lo sforamento nel 2013, nonostante i Paesi Bassi siano uno dei maggiori alleati della Germana nella difesa delle politiche di austerità e della sobrietà di bilancio. L'accordo al Senato era fondamentale per evitare uno sforamento anche nel 2014, tanto che il ministro delle Finanze, nonché presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ha dovuto rinunciare a presenziare al meeting del Fondo monetario internazionale che si è tenuto a Washington nel corso dell'ultima settimana.

L'accordo prevede che i tagli alle spese per 6 miliardi di euro verranno ripartiti diversamente rispetto a quanto deciso nella bozza di settembre, mentre verranno discusse riforme nel mercato del lavoro.

Nonostante tutto però le finanze pubbliche olandesi non sembrano essere ancora poste al riparo da turbolenze: come ha fatto notare anche la Commissione Europea la situazione economica potrebbe peggiorare, o non migliorare abbastanza, rendendo possibile uno sforamento anche nel 2014. La quinta economia della zona euro, nonostante continui a chiedere austerità per gli altri, potrebbe dunque ripetere la richiesta di un rilassamento della stretta sui conti pubblici per sé stessa, poiché il governo non sembra essere in grado di implementare la stessa agenda a causa non solo della debolezza dell'economia, ma anche di un sistema politico molto frammentato.

Il governo di Mark Rutte è il sesto in appena dieci anni e attualmente ha una maggioranza solo alla Camera bassa del Parlamento, mentre ha bisogno di contrattare con le opposizioni per avere una minima maggioranza al Senato.

La situazione resta complicata soprattutto dal punto di vista del welfare e potrebbe continuare a declinare a causa della demografia: appena poche settimane fa il nuovo re dei Paesi Bassi Guglielmo Alessandro aveva annunciato nel corso di un discorso al Parlamento che lo stato sociale sarà oggetto di pesanti ripensamenti nei prossimi anni, se non addirittura in gran parte smantellato.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/57425/20131012/paesi-bassi-budget-deficit-2014.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili