Giornalista del Datagate lascia il Guardian: creerà una nuova testata col fondatore di eBay

E-mail Stampa PDF

Gli hanno fatto un'offerta che non poteva rifiutare: è questa, in estrema sintesi, la motivazione che ha spinto Glenn Greenwald, il giornalista del Guardian che collaborò con Edward Snowden per fare emergere il Datagate, l'enorme piano di sorveglianza messo in atto negli Stati Uniti dalla National Security Agency (NSA), a lasciare il quotidiano britannico per unirsi ad un nuovo progetto editoriale finanziato dal fondatore di eBay Pierre Omidyar.

  

"Mi è stata presentata un'opportunità giornalistica da sogno, che capita una volta in una carriera", ha spiegato Greenwald, che nel giugno 2013 diventò famoso per la firma sui vari report pubblicati sulla base delle rivelazioni offerte dall'ex-dipendente della CIA e contractor dell'NSA.

"La mia partnership con il Guardian è stata estremamente fruttuosa ed appagante. Ho un'alta considerazione per i redattori ed i giornalisti con i quali ho lavorato, e sono incredibilmente orgoglioso di ciò che abbiamo raggiunto. La scelta di lasciare non è stata facile", ha spiegato Greenwald.

Nell'allacciare il suo nuovo progetto Pierre Omidyar ha spiegato con un comunicato stampa che il suo desiderio è quello di sostenere "giornalisti indipendenti in un modo che sospinga il loro lavoro al massimo livello possibile, il tutto in supporto dell'interesse pubblico". 

La nuova testata cercherà di permettere a giornalisti indipendenti "di ricercare la verità nei loro rispettivi campi", ha affermato il secondo il 46enne miliardario statunitense, nato in Francia e di origine iraniana, il cui patrimonio è stimato da Forbes in 8,5 miliardi di dollari (6,3 miliardi di euro). "E voglio trovare il modo per convertire lettori dei media mainstream in cittadini impegnati".

E dal momento che Omidyar, come dicono gli inglesi, ama "mettere i propri soldi dove sono le sue parole", l'investimento nel nuovo progetto, che non ha ancora un nome, sarà notevole: 250 milioni di dollari (183,5 milioni di euro). "Ho preso contatti per acquistare il Washington Post questa estate. Quel processo mi ha fatto pensare a quale tipo di impatto sociale potrebbe essere creato se un investimento simile venisse fatto in qualcosa di completamente nuovo, tirato su dalle fondamenta".

[Fonte: IBTimes UK]

LEGGI ANCHE:

Snowden candidato al premio Ue per i diritti umani

USA-Russia, la guerra gelida: Obama cancella il bilaterale al G20, Putin difende Snowden e la Siria

Sicurezza informatica: John McAfee sfida l'NSA. Con un gadget economico   

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/57647/20131017/datagate-snowden-guardian-giornalismo-greenwald-omidyar.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili