Ferrovie dello Stato: in arrivo nuove Frecce "per viaggiare, in Italia, solo in Treno"

E-mail Stampa PDF

Offerta ambiziosa quella presentata da Ferrovie dello Stato, centrata sull'incremento della competitività attraverso l'aggiunta di due nuove rotte, Roma - Trieste e Milano - Trieste, e con il potenziamento di quelle già esistenti, il tutto al fine di accrescere il numero di clienti del 3% per il prossimo anno.

  

Ferrovie dello Stato sembra, già da oggi, viaggiare sulla strada giusta: la società prevede che per la fine del 2013, la quota di clienti utilizzatori delle Frecce Italiane arriverà a toccare i 42 milioni, un incremento del 5,2% rispetto allo scorso anno.  

Nel dettaglio, la nuova offerta di Fs al via il prossimo 15 dicembre, ha l'obiettivo di potenziare il network delle Frecce. Alle 231 rotte già presenti, si aggiungeranno:  Frecciargentonella tratta Roma e Trieste, Frecciabianca, che collegherà Milano a Trieste, due Frecciargento nella tratta tra Roma e Verona ed infine un nuovo Frecciarossa tra Torino e Bologna - Firenze - Roma. Previsti, poi, potenziamenti sui collegamenti per Reggio Emilia, con l'aumento delle fermate Frecciarossa da 8 a 18 e l'inaugurazione di un nuovo collegamento veloce in poco più di due ore e quindici minuti.  Infine, annunciati maggiori collegamenti tra Milano e Roma in meno di tre ore.

L'Amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, nel confermare i conti soddisfacenti della società, ha anche aggiunto che il nuovo progetto di Fs punta a ottimizzare il servizio al fine di "convertire" i viaggiatori al trasporto ferroviario, che potranno così prediligere il treno all'aereo, "vista la disponibilità offerta, la qualità del servizio ed il prezzo proposto".  A tal proposito, Moretti ha anche annunciato che la nuova offerta creerà una maggiore integrazione tra i due principali mezzi di trasporto (aereo e treno) grazie agli accordi stipulati con le principali compagnie aree internazionali che consentirà di intercettare un bacino di 5,3 milioni di passeggeri, i quali potranno muoversi lungo la penisola utilizzando le Frecce a condizioni agevolate. Le compagnie già partner di Fs sono Air Canada, Air Transat, Egyptai, Emirates, Qatar Airways, Thai e Livingston, mentre in via di definizione gli accordi con Alitalia, British Airways, Uniteed, Turkish, Aeroflot, Tap Portugal, Kuwait Airways, Us Airways, Finnar.

Oltre al potenziamento del network ferroviario, Fs ha avviato un procedimento di "compressione" dei costi operativi, reso disponibile dopo un lungo processo di riorganizzazione industriale, diventando così benchmark europeo di riferimento. La riduzione dei costi ha concesso la possibilità di investire, per un valore totale di tre miliardi di euro, in nuovi treni e tecnologie, in particolare nei treni regionali. Il Gruppo ha tuttavia elaborato proposte tecniche, organizzative e nuovi modelli di offerta che presenterà, a metà febbraio prossimo, alle Regioni e al Governo, nonché a tutti gli stakeholder, al fine di disporre di ulteriore cash (stimato da Moretti di ulteriori tre miliardi di euro) necessario per risolvere il problema del trasporto locale, ancora inefficiente.

In attesa di potenziali aiuti, previsti per i clienti dei treni regionali servizi telematici (già avviati sulle linee dell'alta velocità), con la possibilità di acquistare in biglietto direttamente on-line, su Iphone, mediante l'APP Pronto Treno, e successivamente sugli altri smartphone, senza alcuna necessità di stampa. Stesse facilitazioni per gli abbonamenti 2014 grazie alla nuova tessera elettronica, formato smartcard, che sostituisce i ticket cartacei.

Nella presentazione della nuova offerta, Moretti ha poi ricordato l'emissione del bond a 8 anni per 750 milioni. In una sola giornata, Ferrovie avrebbe già collocato 600 milioni, a fronte di una domanda di 1,6 miliardi. E a chi avanza la possibilità di un'Ipo per la controllata Trenitalia,  Moretti ha risposto cautamente sostenendone sì la buona situazione economica, ma a discapito di una situazione patrimoniale al momento non particolarmente agevole. "La società non ha ancora un rapporto debito-equity tale da fare tanti quattrini in Borsa. Le cose bisogna farle maturare", ha aggiunto Moretti, il quale ha anche ricordato che la società starebbe preparando un piano industriale che passerà in alcuni consigli a gennaio.  

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/59918/20131206/ferrovie-dello-stato-offerta-frecce-competitivita-potenziamento-network-investimenti.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili