I capitali in Svizzera tremano: Saccomanni preannuncia l'accordo con Berna, gli evasori hanno 'i giorni contati'

E-mail Stampa PDF

Italia ed evasori in Svizzera, atto terzo (almeno). L'accordo è vicino, siamo ai dettagli, i giorni 'spensierati' di molti evasori sono finiti, e così via: gli ultimi anni sono stati segnati da questo tipo di dichiarazioni con costante scadenza. La guerra agli evasori verrà risolta con l'accordo (e la collaborazione) della Svizzera, quel piccolo Paese 'paradiso' dei capitali italiani nascosti all'estero. Sono quasi due anni che vengono annunciati 'ormai prossimi, definitivi, accordi in materia'. Il confronto fiscale tra i due Paesi, invece, disillude tutti - ogni singola volta - portando sempre ad un rinvio e all'ennesimo 'nulla di fatto'.

  

Promesse, l'ultima è stata la volta del nostro ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni. Era in quel di Berna a parlare con la sua omologa svizzera Eveline Widner-Schlumpf, responsabile del dipartimento federale delle Finanze. La nota a margine del loro incontro annuncia un percorso di collaborazione che dovrebbe, in qualche mese, portare all'accordo. A maggio, per esempio, la visita di Napolitano nella Confederazione potrebbe suggellare il definitivo compromesso tra le parti. Già dal mese di febbraio, in quest'ottica, è previsto un incontro tra Jacques de Watteville - segretario di Stato per le questioni finanziarie internazionali della Confederazione - e Vieri Ceriani, consigliere economico di Saccomanni.

Alcuni punti del plausibile accordo sono tuttavia incontrovertibili. Come il delicato discorso dell'anonimato o quello degli sconti sul 'dovuto'. Temi che, nei termini dell'accordo con Berna, non potranno andare contro le norme nazionali del Bel Paese: "non si prevede - spiega Saccomanni - nessun condono e nessuna forma di amnistia. La regolarizzazione comporterà l'integrale pagamento delle tasse dovute, solo con una riduzione rispetto alle penali previste (...) non è possibile prevedere forme di anonimato nel nostro regime e forme di riduzione delle sanzioni diverse da quelle previste dalla nostra legge". Vige la "voluntary disclosure", quindi. E si dovrà pagare quanto dovuto, fine. L'unico spiraglio plausibile sarà concesso, al massimo, sulle penali da aggiungere al conto finale. Saccomanni si mostra inflessibile, dichiara guerra aperta agli evasori, anzi: preannuncia loro la primaverile - definitiva - sconfitta. "Chi ha capitali in Svizzera deve capire che si sta chiudendo il cerchio (...) Credo che i giorni per gli evasori che non si mettono in ordine con il fisco sono ormai numerati".

Dalla Svizzera, insomma, ci fanno sapere che le cose - ora - procedono per il verso giusto: l'accordo ci sarà, questa mal gestita situazione "sta finendo", meglio prepararsi. Nulla è dato sapere sulle cifre in ballo dato che, addirittura, il nostro ministro dell'Economia ne ha solamente una 'vaga' idea. "Non abbiamo mai indicato nessun importo preciso, sono capitali usciti illegalmente dall'Italia, quindi non abbiamo un'idea precisa ma indicazioni informali, dal sistema bancario italiano e da quello svizzero". Il 'libero' flusso di informazioni tra i Paesi sanerà anche questo 'dubbio', quindi. La Svizzera si è fatta più propensa a collaborare (black-list e deflussi mal regolati di capitali sono elementi da non sottovalutare) e gli accordi con la Germania e gli Stati Uniti sono sintomatici di questo cambio di direzione.

L'Italia, dall'altro lato della barricata, è ancora una mezza incognita. Certamente desiderosa di far tornare in patria questi capitali, bisognerà capire se è cambiata e se è, veramente, in grado di raggiungere un accordo. Di annunci, negli ultimi anni, se ne sono sentiti anche troppi. L'ultimo, questo di Saccomanni, speriamo vivamente porti al definitivo accordo da tempo atteso. L'appuntamento, per ora, è per il prossimo maggio (sperando che non sia solo l'ennesimo bluff).

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/62012/20140131/italia-saccomanni-svizzera-capitali-accordo-anonimato-sanzioni-voluntary-disclosure.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili