Benvenuti in Italia, il Paese più corrotto d'Europa

E-mail Stampa PDF

La corruzione è un male di cui l'Italia soffre da tempo. Gli scandali sulle tangenti dell'EXPO sono solo gli ultimi e più eclatanti; purtroppo però il sistema corruttivo è un po' dappertutto, anche in realtà molto più piccole rispetto ad EXPO, Mose, ecc.

  

L'Indice di Percezione della Corruzione 2014, arrivato alla ventesima edizione, mostra come siamo il Paese più corrotto d'Europa, insieme a Bulgaria, Grecia e Romania. Tutti e quattro abbiamo avuto un punteggio di 43 su 100; se fossimo a scuola si tratterebbe di una insufficienza grave, difficile da colmare.

I Paesi europei che meglio figurano in classifica sono i Paesi nordici: al primo posto troviamo la Danimarca, seguita da Finlandia e Svezia. La classifica mondiale vede primeggiare sempre la Danimarca, seguita però dalla Nuova Zelanda e poi dalla Finlandia.

I Paesi più corrotti del mondo risultano essere: Somalia e Corea del Nord ex-equo al primo posto e il Sudan al terzo posto.

L'area meno corrotta risulta essere l'Unione Europea, mentre quelle più corrotte sono l'Africa sub-sahariana, l'Europa dell'est e l'Asia centrale.

Nella classifica mondiale ci collochiamo quindi al 69esimo posto, con una posizione molto distante dagli altri membro del G8: Canada (10°), Francia (26°), Germania (12°), Giappone (15°), Regno Unito (14°), Stati Uniti (17°). Peggio di noi solo la Russia, che si trova al 136° posto e che attualmente risulta sospesa dal G8 per le vicende legate all'Ucraina.

Questo è il quadro fornito dall'organizzazione internazionale non governativa Transparency International, bisogna però sottolineare che si tratta di percezioni e non di realtà; non a caso negli anni questa classifica ha ricevuto più di qualche critica per il suo approccio, considerato poco scientifico. 

Effettivamente una percezione può essere sbagliata, ma il problema è che se tutti si convincono che un Paese è facilmente avvezzo alla corruzione ci sarà un calo di investimenti stranieri, che guarderanno a Paesi dove si può fare impresa in maniera più trasparente.

La realtà, al di là della classifica e delle percezioni, è che in Italia c'è tanta corruzione e lo dimostrano i fatti di cronaca che si susseguono quotidianamente; se vogliamo risalire la china e mostrarci al mondo come un Paese sano, in grado di accogliere investimenti stranieri, dobbiamo prendere seriamente la lotta alla corruzione. Un primo passo in questa direzione potrebbe essere la legge sull'autoriciclaggio che sta per andare in porto, ma che potrebbe rivelarsi come la classica montagna che partorisce il topolino.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/73304/20141203/transparency-international-percezione-corruzione.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili