Putin incoraggia la Russia: «Usciremo dalla crisi entro due anni»

E-mail Stampa PDF

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto giovedì che la crisi economica del Paese sarà superata entro due anni grazie alle misure che il governo prenderà per diversificare l'economia, che attualmente è fortemente dipendente dai ricavi petroliferi. Putin ha anche criticato le sanzioni occidentali e ha accusato gli Stati Uniti e l'Unione Europea di voler destabilizzare il suo Paese.

  

Putin ha affermato che la banca centrale russa e il governo hanno intrapreso le azioni più adeguate per difendere il rublo e la debole economia del Paese. Stando ad Associated Press, tuttavia, egli ha anche ammesso che le sanzioni economiche occidentali sul ruolo di Mosca nel conflitto ucraino hanno pesato per circa il 25-30 per cento sulla crisi economica russa.

«Se la situazione dovesse svilupparsi in modo sfavorevole, dovremo cambiare i nostri piani. Senza dubbio saremo costretti a tagliare le spese. Ma una svolta positiva e l'uscita dalla situazione corrente sono inevitabili - ha detto Putin secondo Reuters durante una conferenza stampa - la crescita dell'economia globale continuerà e la nostra economia rimbalzerà dai problemi attuali».

Sebbene Putin non abbia specificato in che modo tirerà fuori dal pantano l'economia russa, egli ha comunque detto che diversificare le fonti di reddito è cruciale, e nel mentre è necessario ridurre la dipendenza dal petrolio, esportazione fondamentale e risorsa chiave di introiti per il Paese.

Putin ha anche avvisato i suoi concittadini di prepararsi a una recessione e criticato la banca centrale per non aver risposto più in fretta alle agitazioni economiche. Secondo lui la Russia non dovrebbe usare le sue riserve valutarie per proteggere il rublo visto che il paese è sull'orlo di una svolta sfavorevole, guidato dal calo dei prezzi del petrolio e dalle sanzioni occidentali.

La Russia avrebbe speso circa 80 miliardi dollari nel tentativo non riuscito di stabilizzare il rublo, che attualmente quota a circa 61 contro il dollaro. La valuta è scesa del 20 per cento dall'inizio della settimana e più del 50 per cento dall'inizio dell'anno.

«Stando allo scenario economico esterno più favorevole, questa situazione potrebbe andare avanti per circa due anni. Tuttavia comincerà a migliorare già dal primo trimestre, alla meta e alla fine del prossimo anno» ha dichiarato Putin.

Rispondendo a una domanda riguardante il conflitto nel Ucraina orientale, Putin ha dichiarato che la Russia vorrebbe che il Paese rimanesse una singola entità politica, a significare che le regioni orientali, controllate da ribelli filorussi, dovrebbero rimanere parte dell'Ucraina.

Putin ha anche dichiarato che la posizione della Russia riguardo la crisi Ucraina è corretta mentre le potenze occidentali sono in errore nelle loro conclusioni.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/73816/20141218/putin-russia-crisi-economica-petrolio.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili