Euro sui minimi da 9 anni: chi vince e chi perde

E-mail Stampa PDF

L'euro è ai minimi da nove anni, ma non è un problema per tutti. Lunedì mattina, la moneta unica è arretrata nei cofronti del dollaro statunitense più dell'1%, toccando quota 1,19 (in mattinata il cambio si era portato a 1,8860 prima di risalire sopra 1,19).

  

Sebbene alcuni economisti sono preoccupati dalle recenti voci su una possibile uscita della Grecia dall'euro - Grexit -,che stanno contribuendo a spingere al ribasso la moneta, molti esperti sostengono che il recente calo dell'Euro è dovuto ad un mix di fattori: da un dollaro forte e dalle aspettative relative all'imminente decisione da parte della Banca centrale europea di iniziare il QE.

LEGGI ANCHE:

Grexit, la Germania mostra la porta alla Grecia? Nel dubbio, le borse crollano 

Nonostante il panico, molte compagnie, così come molti turisti attenti al portafoglio, sanno di poter trarre benefici dalla situazione. Le compagnie europee esportatrici di beni e servizi avranno ora maggiore vantaggio nei confronti delle controparti statunitensi, dato che gli europei possono offrire prezzi più bassi su beni comparati.

Anche il turismo verso il Vecchio Continente dovrebbe subire un'impennata. "Se sei un turista e hai intenzione di visitare l'Europa, questo è il momento giusto per farlo", ha detto Bert Colijn, un economista del Conference Board dell'Europa, un gruppo di ricerca che ha uffici a New York e Bruxelles. 

Tuttavia, considerando i molti problemi economici, non tutti possono vincere. Forti oscillazioni delle valute sollevano sempre numerose questioni, dice David Wessel, direttore del Centro Hutchings sulle Politiche Monetarie e Fiscali presso il Brookings Institute. Una delle domande più importati è: dove la domanda può crescere o diminuire?

"Se l'Europa sta effettivamente riducendo il valore della propria valuta in modo da poter esportare un po' di più, alle spese del resto del mondo, questo non è un buon segnale per il resto dell'economia mondiale", ha aggiunto.

Il rafforzamento del dollaro statunitense renderà le cose più difficili ai paesi emergenti, che vedranno crescere il costo del loro debito. "Non c'è mai solo una variabile. Non è mai o bianco o nero", ha detto Wessel.

L'euro dovrebbe rimanere debole per un po' di tempo. Uno dei fattori più importanti è l'aspettativa che la Banca centrale europea implementerà un piano di stimoli, il tanto chiacchierato Quantitative Easing, per cercare di spingere l'economia europea in affanno.

"Una delle ragioni per cui la BCE ha iniziato a parlare di Quantitative Easing è per cercare di deprezzare il tasso di cambio", ha detto Colijn.

Nell'ultima parte del 2014 il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha discusso della possibilità che la banca possa iniziare ad acquistare titoli di stato. A differenza della Federal Reserve statunitense, che concentra i suoi sforzi nel tenere bassi i tassi di inflazione e di disoccupazione, la principale preoccupazione della BCE è rappresentata dall'inflazione. La BCE ha l'obiettivo di mantenere il tasso di inflazione poco sotto il 2%, ma in questo momento è a livelli decisamente inferiori. La Germania, la maggiore economia della regione, in dicembre ha fatto registrare un'inflazione dello 0,1%, peggiore delle aspettative degli analisti che si attendevano uno 0,2%. 

I funzionari della BCE si incontreranno il 22 gennaio per prendere una decisione.

 

 

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/74179/20150106/euro-dollaro-tasso-di-cambio-qe.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili


Articoli correlati

Purtroppo non ci sono articoli correlati