Lussemburgo (e Juncker) nel mirino dell'Europa: aiuti di stato ad Amazon?

E-mail Stampa PDF

L'Unione Europea è sempre molto attenta sulla questione dei cosiddetti "aiuti di stato", infatti questi sono generalmente vietati all'interno dell'Unione, in quanto creano una distorsione del mercato. Possono esserci deroghe a questo divieto nel caso in cui vi sia un interesse comune, ma non è questo il caso di Amazon.

  

La multinazionale statunitense ha la propria sede legale europea in Lussemburgo e secondo la Commissione UE avrebbe ricevuto aiuti di stato tramite la concessione di privilegi fiscali. La società ha subito respinto le accuse dichiarando di avvalersi delle norme fiscali applicate anche ai propri concorrenti di mercato, ma la commissione è di altro parere.

Nel mirino dell'Europa c'è la cosiddetta "tax ruling", una pratica legale che serve a chiarire in anticipo il trattamento fiscale che una società si troverà, così da poter scegliere cosa gli convenga fare, in parole povere un modo per pagare meno tasse. La tax ruling la troviamo nella maggioranza degli stati dell'UE e non è un segreto che il ministro Padoan vorrebbe introdurla anche in Italia.

Il sospetto della commissione è che si sia andati un po' oltre la semplice previsione di un trattamento fiscale migliore, ma che ci sia stato un indebito vantaggio che ha portato ad una vera e propria elusione fiscale. Se ciò sarà dimostrato Amazon dovrà pagare uno sproposito, visto che questa situazione va avanti dal 2003

Ovviamente Amazon non sarà l'unica a pagare, le società finiti nell'occhio del ciclone sono molte e in diversi Stati, tra queste ricordiamo: FCA (ex FIAT), Apple, Starbucks, ecc. tutte società accusate di aver pagato meno tasse del dovuto grazie ad aiuti di stato.

Un vero e proprio terremoto che non può non avere anche riflessi politici, visto che l'attuale presidente della Commissione Europea è Jean Claude Juncker, che è stato primo ministro del Lussemburgo dal 1995 al 2013 e anche ministro delle finanze dal 1989 al 2009. Un conflitto di interessi mostruoso, che anche se non porterà alle dimissioni del leader lussemburghese, ne ha già minato profondamente la credibilità.

LEGGI ANCHE: LuxLeaks, le scuse indecenti di Juncker

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/articles/74583/20150116/amazon-lussemburgo-commissione-juncker.htm

 

Menu Principale

Risorse Utili