Banca Etruria: 2,2 milioni di sanzioni agli ex vertici. Ma chi fine hanno fatto i rimborsi?

E-mail Stampa PDF

La comunicazione arriva direttamente dagli organi di controllo di Bankitalia che però deve ancora pubblicare la nota ufficiale con le singole sanzioni. Il primo marzo il direttorio ha deciso di infliggere 2,2 milioni di euro di sanzioni per gli ex vertici di banca Etruria, una della quattro banche oggetto del decreto salvabanche del 22 novembre scorso nel quale molti clienti-azionisti si sono ritrovati con un pugno di mosche al posto degli investimenti. In tutto sono 27 le persone coinvolte, tra questi anche il padre del ministro Boschi, l’ex vicepresidente della banca Etruria Pier Luigi Boschi. Ma mentre Bankitalia continua le ispezioni e decide le sanzioni per coloro che con una gestione scellerata hanno portata la banca al fallimento, i truffati di banca Etruria ancora aspettano di capire come e quando avranno il loro rimborso.

Le sanzioni per i vertici di banca Etruria

Le sanzioni decise da Bankitalia per gli ex vertici di banca Etruria ammontano a 2,2 milioni di euro totali e interessano 27 persone.Le multe più alte sarebbero quelle inflitte agli ultimi due presidenti, Lorenzo Rosi e Giuseppe Fornasari, ai vice presidenti Alfredo Berni e Pier Luigi Boschi e all'ex direttore generale Luca Bronchi. Nel complesso le sanzioni personali vanno da un minimo di 52mila euro ad un massimo di 130mila euro a seconda del grado di reponsabilità all’interno del managment della banca e della permanenza ai vertici di banca Etruria.

Bankitalia fa sapere che alcune delle persone sanzionate erano già state raggiunte da multe precedenti. Nel 2014, in particolare Bankitalia aveva fissato multe per un totale di 2,5 milioni di euro al termine di un procedimento aperto a fine 2013. Tra il 2014 e il 2015 anche le altre tre banche oggetto del salvataggio erano state oggetto di ispezioni e sanzioni da parte di Bankitalia: aprile 2014, a 15 persone della Cassa di risparmio di Ferrara 1,1 milione di multa; agosto 2014, a 18 persone della banca della Marche 4,2 milioni di multa; luglio 2015, a 13 persone della Cassa di Risparmio di Chieti 600mila euro di multa. Le quattro banche fallite erano, quindi, da anni oggetto di ispezioni e sanzioni da parte di Bankitalia, che, però, non è riuscita ad intervenire in tempo (o con la giusta risolutezza) per evitare che accadesse il peggio.

Ma che fine hanno fatto i rimborsi?

Promessi e più volte rinviati, i criteri per i rimborsi ai truffati delle quattro banche salvate ancora non si vedono all’orizzonte. Il premier Renzi continua a ripetere che chi è stato truffato “avrà fino all’ultimo centesimo”, ma intanto sul decreto per i rimborsi, promesso in sede di legge di stabilità, il governo ancora non riesce a trovare al quadra.

Secondo le notizie rilanciate dall’Ansa il nodo politico da sciogliere sono i criteri per stabilire chi ha diritto o meno al rimborso. Da una parte c’è il tentativo di stabilire in cosa consiste la “non adeguata informazione” dei risparmiatori che darebbe luogo al rimborso; ma dall’altra resta anche l’ipotesi di approvare un decreto senza indicare i criteri e lasciare all’Anac di Cantone il compito di valutare caso per caso chi è stato truffato da banca Marche, Etruria, Carichieti e Cariferrara. Ancora incerto anche il budget per i rimborsi, ma comunque resta valida la prima indicazione di un plafond ristretto che non riuscirà a rimborsare tutti i clienti. Insomma sono questi gli elementi che rallentano l’emanazione del provvedimento ministeriale.

Ma anche con il suo arrivo i tempi resteranni certamente lunghi. Con o senza requisiti, dopo il decreto, l’Anac dovrà istituire della camere arbitrali, nominare gli arbitri e iniziare a valutare tutti i casi di clienti truffati o che si dichiarano tali. Insomma i clienti delle quattro banche salvate hanno ancora parecchio da aspettare prima di avere quel ristoro che il premier Renzi aveva promesso loro “in tempi brevi”. Si sa, i tempi della politica sono molto diversi da quelli della realtà.  

 

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/banca-etruria-22-milioni-di-sanzioni-agli-ex-vertici-ma-chi-fine-hanno-fatto-i-rimborsi-1441916

 

Menu Principale

Risorse Utili