Stati Uniti: Obama potrebbe fermare le trivelle nell'Atlantico

E-mail Stampa PDF

L'amministrazione Obama potrebbe ritirare la propria proposta per permettere l'estrazione di petrolio e gas naturale al largo della costa atlantica degli Stati Uniti.

Martedì dovrebbe essere fatto un annuncio da parte del Dipartimento degli Interni, stando a quanto una persona a conoscenza della questione ha riferito al New York Times. La fonte non è stata autorizzata a parlare al quotidiano in maniera esplicita perché il piano non è stato ancora rivelato al pubblico.

La decisione seguirebbe la forte opposizione alla proposta lanciata lo scorso anno e proveniente dalle comunità costiere, dai business marittimi e gruppi ambientalisti dalla Virginia alla Georgia. I critici temono che trivellare sulla costa sudorientale potrebbe portare ad un evento simile a quello del 2010, quando la perdita di petrolio della piattaforma Deepwater Horizon nel Golfo del Messico aveva danneggiato l'ambiente e minacciato le economie locali.

Le compagnie petrolifere e di gas naturale avevano salutato con favore la proposta di trivellazioni di Obama perché avrebbe favorito la produzione di energia statunitense. La piattaforma continentale esterna dell'Atlantico potrebbe contenere circa 3,3 miliardi di barili di petrolio greggio estraibili e 1000 miliardi di metri cubi di riserve di gas naturale, secondo dati federali. Gli esperti dell'Industria, tuttavia, affermano che le stime non sono aggiornate e che la piattaforma potrebbe contenere molto più petrolio e gas di quanto ci si aspetta.

imageUna mappa della zona di estrazione di petrolio nell'Oceano Atlantico U.S. BUREAU OF OCEAN ENERGY MANAGEMENT

Il Dipartimento degli Interni nel gennaio 2015 aveva proposto di permettere per la prima volta perforazioni offshore lungo la costa sud-orientale dell'Atlantico. Governatori, parlamentari di Stato e senatori di Virginia, Carolina del Nord, Carolina del Sud e Georgia avevano espresso il loro supporto alle trivellazioni, citando la possibilità di creazione di posti di lavoro e nuove entrate fiscali per gli Stati.

Finora si riteneva che l'amministrazione Obama non avrebbe finalizzato nei prossimi mesi la propria proposta relativa alle trivellazioni offshore, attualmente in fase di bozza. Il piano quinquennale per il periodo che va dal 2017 al 2022 avrebbe messo all'asta una concessione di perforazione offshore nelle zone dell'Atlantico meridionale centrale.

Il governo federale non ha permesso nuove concessioni in quest'area da oltre tre decenni per via di preoccupazioni regolamentari ed economiche. Obama, all'inizio del 2010, aveva proposto un piano quinquennale per permettere nuove concessioni nelle acque federali al largo della Virginia, ma i funzionari avevano accantonato l'idea a seguito del disastro della piattaforma Deepwater Horizon di proprietà di BP, nel corso del quale morirono 11 persone e milioni di litri di petrolio inquinarono le vicine aree costiere.

Al momento le trivellazioni offshore negli Stati Uniti avvengono solo in Alaska, nel Golfo del Messico nei pressi di Louisiana, Alabama e Texas, e nell'Oceano Pacifico, al largo della costa della California. Le trivellazioni in tali acque federali e statali sono iniziate dalla fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 80.

Oltre cento città e paesi costieri, da Norfolk, Virginia, fino a Charleston, Carolina del Sud, hanno firmato petizioni negli ultimi mesi chiedendo ad Obama di fermare i piani volti a permettere nuove perforazioni nell'Atlantico. I proprietari di oltre mille imprese costiere, compresi negozi che affittano kayak e quelli che vendono attrezzature da pesca, hanno firmato a loro volta una petizione avvertendo la Casa Bianca che ulteriori perdite di petrolio potrebbero distruggere il loro modello economico. Environment America, un gruppo di Verdi, ha detto di aver presentato le lettere all'amministrazione Obama a febbraio.

Questa settimana l'amministrazione Obama dovrebbe inoltre rilasciare una nuova bozza per i suoi piani relativi alle concessioni di perforazione offshore nel Golfo del Messico e nelle acque artiche dell'Alaska. 

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/stati-uniti-obama-potrebbe-fermare-le-trivelle-nellatlantico-1443075

 

Menu Principale

Risorse Utili