Modello 730 precompilato 2016: modifiche e invio dal 2 maggio. Come evitare i controlli dell’Agenzia delle Entrate

E-mail Stampa PDF

A partire dal 15 aprile l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul sito i modelli 730 precompilati ai quali i contribuenti possono accedere tramite le credenziali del Fisco. Finora i cittadini hanno potuto visualizzare e stampare la propria dichiarazione precompilata, modello 730 e Unico, e il relativo foglio riepilogativo. Ma dal 2 maggio si aprono ufficilamente le danze del modello 730 precompilato 2016. A partire da lunedì, infatti, sarà possibile mettere la mani sul modello 730 precompilato, modificando, correggendo i dati o soltanto inviando la dichiarazione precompilata così com’è stata elaborata dall'Agenzia delle Entrate. Attualmente, in attesa dell’eventuale proroga, la scadenza fissata per la presentazione del modello 730 è il 7 luglio. La consulta dei CAF, nonostante la pubblicazione in anticipo di Gerico, ha già chiesto la proroga al 25 luglio per permettere a CAF e professionisti abilitati di avere il tempo necessario per elaborare tutte le dichiarazioni precompilate. Ma vediamo meglio come si modifica, corregge e invia il modello 730 precompilato 2016 e quali sono i vantaggi.

Modello 730 precompilato 2016: cosa succede il 2 maggio

Da lunedì 2 maggio è possibile:

  • accettare, modificare e inviare la dichiarazione 730 precompilata all'Agenzia delle Entrate direttamente tramite l'applicazione web;
  • modificare e inviare il modello Unico precompilato direttamente all'Agenzia delle Entrate

Inoltre, nell'applicazione web è possibile consultare la dichiarazione trasmessa e la ricevuta telematica dell'avvenuta presentazione. Per ricevere eventuali comunicazioni sulla dichiarazione precompilata, il contribuente può indicare sul sito il proprio indirizzo di posta elettronica.

Come si accetta il modello 730 precompilato?

Il modello 730 precompilato si considera accettato se è inviato senza modifiche dei dati presenti oppure con modifiche che non incidono sul calcolo del reddito da ricevere o dell'imposta da pagare.

Il modello 730 precompilato si considera accettato anche se il contribuente fa le seguenti modifiche:

  • modifica dei dati anagrafici del contribuente, ad eccezione del comune del domicilio fiscale, che potrebbe incidere sulla determinazione delle addizionali regionale e comunale all'IRPEF
  • indicazione o modifica dei dati identificativi del soggetto che effettua il conguaglio
  • indicazione o modifica del codice fiscale del coniuge non fiscalmente a carico
  • compilazione del quadro I per la scelta dell'utilizzo in compensazione, totale o parziale, dell'eventuale credito che risulta dal modello 730 precompilato
  • scelta di non versare o di versare in misura inferiore a quanto calcolato da chi presta assistenza fiscale gli acconti dovuti, mediante la compilazione dell'apposito rigo del quadro F
  • richiesta di suddivisione in rate mensili delle somme dovute a titolo di saldo e acconto nei casi consentiti dalla normativa vigente, mediante la compilazione dell'apposito rigo del quadro F.

I vantaggi della presentazione del modello precompilato senza modifiche

Il contribuente che accetta il modello 730 precompilato senza modifiche (o con le modifiche indicate sopra) non sarà sottoposto a controllo sui documenti relativi agli oneri indicati nella dichiarazione, forniti all'Agenzia delle Entrate dai soggetti terzi.In particolare gli oneri esclusi dai controlli dell’Agenzia in caso di accettazione del modello 730 precompilato sono:

  • interessi passivi e relativi oneri accessori per mutui in corso
  • premi di assicurazione sulla vita, causa morte e contro gli infortuni
  • contributi previdenziali e assistenziali
  • spese sanitarie e relativi rimborsi
  • spese universitarie e relativi rimborsi
  • contributi versati alle forme di previdenza complementare
  • spese funebri.

Modello 730 precompilato: presentazione tramite CAF o professionista

Se si presenta il modello 730 precompilato, con o senza modifiche, tramite CAF o professionista abilitato i controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate (così come le eventuali sanzioni) saranno effettuati nei confronti del CAF o del professionista che ha messo il visto di conformità sulla dichiarazione. Quando il contribuente delega un intermediario per la presentazione del modello 730 precompilato, infatti, deve fornire la documentazione relativa agli oneri deducibili e il professionista, dopo averne verificato la correttezza, mette il visto di conformità alla dichiarazione assumendosi le responsabilità di eventuali errori. L'Agenzia delle Entrate può comunque effettuare nei confronti del contribuente i controlli per verificare i requisiti utili a fruire delle agevolazioni(per esempio la destinazione ad abitazione principale della casa per cui vengono detratti gli interessi passivi relativi al mutuo).

Modello 730 precompilato: modifiche e invio

Il modello 730 precompilato si considera modificato se vengono variati i redditi, gli oneri o le altre informazioni presenti nella dichiarazione precompilata oppure se il contribuente inserisce nuovi dati non presenti nel modello 730 precompilato fornito dell’Agenzia delle Entrate. In questo caso il modello 730 precompilato è soggetto ai controlli dell’Agenzia delle Entrate in tutte le sue parti, quelle modificate/aggiunte dal contribuente, ma anche quelle che non sono state modificate. Va, infine, ricordato che chi ha altri redditi che non si possono dichiarare con il modello 730 (per esempio, redditi d’impresa) non può utilizzare la dichiarazione precompilata dall’Agenzia, ma deve presentare il modello Unico.

 

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/modello-730-precompilato-2016-modifiche-e-invio-dal-2-maggio-come-evitare-i-controlli-dellagenzia

 

Menu Principale

Risorse Utili