Analisi tecnica settimanale: sell in May and go away? Probabile, ma non così presto

E-mail Stampa PDF

La prima settimana di maggio gli indici hanno confermato la debolezza mostrata già nelle ultime sedute di aprile. Gli indici si trovavano in prossimità di livelli critici e non sono quindi riusciti a trovare la forza per proseguire il movimento rialzista.

Come avevamo detto nelle precedenti analisi e in particolare in quella dedicata al mese di maggio, sarebbero dovute arrivare notizie particolarmente positive per convincere trader e investitori ad acquistare su questi livelli. Quelle arrivate non sono state invece particolarmente buone. Ad innescare le vendite ci ha pensato il dato - pubblicato il 28 aprile - del PIL statunitense del primo trimestre dell’anno, peggiore rispetto alle stime degli analisti. A inizio mese poi cattive notizie sono arrivate anche dal continente asiatico, con il Giappone che ha mostrato un rallentamento dell’attività industriale, causato in primo luogo dalla frenata degli ordinativi e delle esportazioni. Il quadro europeo ha poi risentito anche delle debolezze mostrate dal settore bancario italiano, come abbiamo spiegato in questo articolo. A mitigare un po’ i ribassi ci ha pensato nell’ultima seduta della settimana il dato sul tasso di disoccupazione degli Stati Uniti, fermo al 5%. In settimana comunque sono arrivati dati tutt'altro che positivi sul mercato del lavoro USA, con le richieste dei sussidi di disoccupazione e la variazione dell’occupazione non agricola che sono state peggiori delle attese.

Il quadro tecnico e le notizie hanno confermato quindi la debolezza degli indici e lasciano intuire che prima della fine di maggio potremmo assistere ad altri importanti ribassi. Prima però potremmo avere qualche seduta moderatamente rialzista. Il sospetto si è consolidato nelle ultime sedute, in particolare in quella di venerdì, dove gli indici hanno faticato a superare i supporti e sono ripartiti gli acquisti.

Come avevamo segnalato a più riprese nelle nostre video analisi, gli indici (Dax e euro stoxx 50 in primis) non hanno effettuato i pullback sulla rottura dei minimi precedenti. Sia il dax che l’euro stoxx 50 hanno praticamente interrotto il trend ribassista in prossimità della chisura del gap up aperto il 13 aprile.

imageSTOXX 50 chart on the daily timeframe updated to the 6th May close IBTimes Italia / XTB

Come possiamo vedere dal grafico giornaliero dello STOXX 50 l'indice si è portato in prossimità della trendline rialzista, dove sono ripresi gli acquisti. La candela positiva, che arriva dopo due giorni di relativa debolezza, rafforza l'ipotesi che l'indice possa riprendere, anche se per poche sedute, la strada del rialzo. 

imageSTOXX 50 chart on the H4 timeframe updated to the 6th May close IBTimesIT / XTB

L'idea quindi è che lo STOXX 50 possa effettuare dei pullback sulla rottura dei minimi precedenti, come abbiamo indicato sul grafico a 4 ore.

imageS&P 500 on the daily timeframe updated to the 6th May close IBTimesIT / XTB

Lo S&P 500 ha testato l’EMA a 50 periodi sul grafico giornaliero e una linea di supporto posta in prossimità del pivot R1. Il mancato superamento di questo livello e la reazione positiva, con formazione di una candela di tipo hammer, lasciano pensare che anche l’indice statunitense possa avere qualche seduta positiva prima di far ripartire il ribasso. Ad ogni modo, sconsigliamo di aprire posizioni short su quest’indice data la sua straordinaria tendenza rialzista (se proprio vogliamo farlo attendiamo quanto meno la rottura del supporto indicato).

NOTA: Le analisi si basano su modelli di chart pattern e sulle relative rotture di massimi e minimi presenti sui diversi timeframe. Per i punti di entrata ed i target si prendono in considerazione, oltre ovviamente alle rotture, i punti di pivot e l’EMA a 50 periodi. Si ricorda infine che le analisi di trading di IBTimes Italia non vogliono in alcun modo essere un incitamento all’investimento e non ci riteniamo responsabili per le perdite derivanti dalle vostre operazioni.​

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/analisi-tecnica-settimanale-sell-may-go-away-probabile-ma-non-cosi-presto-1450435

 

Menu Principale

Risorse Utili