Modello 730 precompilato 2016: arriva la proroga. Ecco cosa cambia per CAF e fai-da-te

E-mail Stampa PDF

Dal Consiglio dei Ministri di oggi martedì 31 maggio (convocato per le 17) uscirà un decreto della Presidenza del Consiglio con la proroga per la scadenza del modello 730 precompilato 2016. La scadenza, fissata secondo la legge al 7 luglio (e mai rispettata), slitterà così al 22 luglio. L’unica “fregatura” della proroga è che con la scadenza slitterà anche il rimborso IRPEF per dipendenti e pensionati. Ma vediamo meglio di cosa si tratta.

Proroga del modello 730 precompilato 2016

Tutto, quindi, secondo copione, come ogni anno. Il 6 aprile scorso la commissione Finanza della Camera ha approvato una risoluzione in cui chiedeva la proroga del modello 730. Alla richiesta di proroga si è unita anche la consulta dei CAF e qualche settimana fa anche i commercialisti. Così il governo ha proposto la soluzione dello scorso anno: proroga dal 7 luglio al 22 a patto che i CAF o i professionisti abilitati abbiano già inviato l’80% dei modelli 730 precompilati o no. Nelle due settimane concesse dalla proroga contribuenti, CAF e professionisti avranno tempo per modificare, correggere e inviare il modello 730 precompilato.

Per chi vale la proroga del modello 730?

La proroga vale per i professionisti e i CAF che devono presentare i modelli 730 in seguito alla delega del contribuente. Lo slittamento dal 7 luglio al 22 vale non solo per i modelli 730 precompilati, ma anche per quelli ordinari. E secondo l’ipotesi più accreditata la proroga sarà valida anche per coloro che hanno scelto il fai-date. Lo scorso anno una circolare dell’Agenzia delle Entrate successiva al decreto con la proroga, aveva chiarito che rientravano nella scadenza al 22 luglio anche coloro che non si erano rivolti all’assistenza fiscale.

Il contrappasso della proroga

La controindicazione della proroga è che insieme allo slittamento dei termini per la presentazione del modello 730 slittano anche i tempi dei rimborsi. Con il modello 730 presentato entro il 7 luglio, il rimborso IRPEF nella pensione o in busta paga arriva nel mese di agosto, giusto in tempo per finanziare le spese estive. Ma la proroga per il modello 730 a fine mese, rischia di far slittare il rimborso a settembre.

Nuovo calendario delle scadenze per il modello 730

Con la proroga, il calendario delle scadenze si modifica come segue:

  • 22 luglio: termine ultimo per la trasmissione del modello 730 precompilato. Il termine vale sia nel caso di presentazione diretta sul sito dell’Agenzia sia nell'ipotesi di presentazione al sostituto d'imposta oppure a un intermediario
  • 30 settembre: scade il termine per la presentazione della dichiarazione correttiva.
  • 25 ottobre: il contribuente può presentare un 730 integrativo tramite CAF o professionista abilitato.
  • 10 novembre: entro tale data deve essere presentato, se necessario, il 730 rettificativo, in caso di errore da parte del sostituto d’imposta o del CAF.

Altre proroghe in CDM

Secondo un’anticipazione del Sole 24 Ore, il consiglio dei Ministri di oggi, oltre alla proroga per il 730 precompilato, licenzierà anche un decreto per modificare altre scadenze imminenti. Tra queste:

  • slitta dal primo giugno al primo settembre l’entrate in vigore delle sentenze esecutive nei processi tributari (perché manca un decreto ministeriale);
  • il termine per rientrare nei piani di rateazione versando la rata scaduta passa da oggi 31 maggio al 31 ottobre;
  • previsto anche lo slittamento dal 30 settembre al 30 novembre per lo scioglimento agevolato delle società di comodo;
  • slitta dal 30 giugno a fine 2016 l’incarico ad Equitalia per la riscossione locale in 6.500 Comuni italiani.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/modello-730-precompilato-2016-arriva-la-proroga-ecco-cosa-cambia-caf-e-fai-da-te-1453350

 

Menu Principale

Risorse Utili