Pensioni: ipotesi uscita anticipata anche per gli statali. Ecco le ultime novità

E-mail Stampa PDF

Non solo per il settore privato, la pensione anticipata alla studio del governo dovrebbe essere valida anche per i dipendenti della pubblica amministrazione.Come per il settore privato, l’APE, il meccanismo per l’uscita anticipata che dovrebbe entrare nella prossima legge di stabilità sarà valido, in via sperimentale, per gli statali nati dal 1951-’53 e poi, successivamente (risorse permettendo) resa strutturale.

La pensione anticipata anche per i lavoratori statali, al momento è soltanto un’ipotesi sul tavolo, di cui discuteranno governo e sindacati che hanno aperto un confronto proprio sul tema della riforma delle pensioni. L’APE, il progetto per la pensione anticipata su cui stanno lavorando i tecnici di palazzo Chigi, intende ritoccare la riforma delle pensioni del Ministro Elsa Fornero senza, però, eliminarne i pilastri fondamentali di risparmio e tenuta del sistema pensionistico italiano. L’obiettivo, però, è permettere a coloro che per volontà o necessità vogliono andare in pensione anticipata di uscire qualche anno prima dal lavoro pagando il prezzo di una penalizzazione sull’assegno della pensione.

Il meccanismo APE dovrebbe entrare nella prossima legge di stabilità e modificare il sistema delle pensioni a partire dal 2017. L’ipotesi di coinvolgere anche i lavoratori statali avrebbe un prezzo di circa 5-600 milioni di euro per lo Stato.

Pensioni, l’uscita anticipata

L’APE per la pensione anticipata dovrebbe permettere a coloro che sono vicini alla pensione (i nati tra il 1951-53) di uscire dal lavoro in anticipo con una penalità sull’assegno della pensione.

Le categorie dei lavoratori interessati sono tre: i disoccupati che non trovano lavoro, ma non ancora accesso alla pensione; i lavoratori interessati da una ristrutturazione aziendale e coloro che vogliono andare in pensione. Secondo le ultime stime, il taglio dell’assegno della pensione dovrebbe essere in media del 3-4% all’interno di una forchetta che varia però da un minimo dell’1% per i disoccupati di lungo corso fino ad un massimo dell’8% per coloro che scelgono in modo autonomo di andare in pensione prima del tempo.

Chi paga per le pensioni anticipate?

L’operazione sulle pensioni gira intorno al prestito pensionistico proveniente da banche o assicurazioni. Il lavoratore, in pratica, dovrà chiedere un prestito individuale (con un’assicurazione sui rischi collegati al processo di restituzione) che sarà rimborsato tramite una trattenuta dall’assegno della pensione con un contributo da parte dello Stato per i disoccupati di lungo corso e dell’azienda in caso di ristrutturazione.

Secondo il piano del governo un altro fattore di variabilità sarà rappresentato dalle detrazioni fiscali da calcolare sull’assegno pensionistico. Il taglio sarà calcolato in base alla categoria di lavoratore e al reddito: le detrazioni fiscali, quindi, saranno maggiori per coloro che hanno un assegno della pensione basso e sono disoccupati di lungo corso, e più leggere per coloro che vogliono andare in pensione per scelta e hanno un reddito elevato.

L’obiettivo è quello di ridurre al minimo il taglio dell’assegno della pensione per coloro che sono “obbligati” ad andare in pensione e, al contrario, di far pagare il costo della pensione anticipata a coloro che escono prima dal lavoro per una scelta personale.

Pensione anticipata per gli statali?

Era uno dei principali interrogativi emersi subito dopo l’annuncio di una riforma delle pensioni: l’uscita anticipata sarà valida anche per gli statali? La struttura portante dell’APE è stata pensata per i dipendenti privati, ma i tecnici di palazzo Chigi stanno lavorando ad una formulazione che possa coinvolgere anche i lavoratori statali. Annunciata l’intenzione di permettere la pensione anticipata anche per gli statali, ora restano da sciogliere il nodo risorse e soprattutto penalizzazioni.

 

 

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/pensioni-ipotesi-uscita-anticipata-anche-gli-statali-ecco-le-ultime-novita-1455371

 

Menu Principale

Risorse Utili