Imprese: super ammortamento e patent box, ecco il cantiere della legge di stabilità 2016

E-mail Stampa PDF

C’è ancora tanta strada da fare prima di arrivare alla legge di stabilità 2016, ma il cantiere delle misure da mettere in campo per il prossimo anno è già aperto. Non solo quello della previdenza che vuole trovare una soluzione per coloro che vogliono o devono andare in pensione anticipata, ma anche per favorire il rilancio delle imprese.

Nel menu di interventi da inserire nella legge di stabilità, secondo quanto dichiarato dal premier Renzi e altri esponenti del Governo, c’è il prolungamento del super ammortamento per gli investimenti delle imprese e il patent box che ha fatto il suo debutto nella legge di stabilità dello scorso anno.

Super ammortamento al 2017

Nella legge di stabilità 2016 sarà inserita la proroga del super ammortamento per le aziende che investono in beni strumentali. L’annuncio arriva direttamente dal premier Renzi. Il super ammortamento consiste nella possibilità per imprese e professionisti, di aumentare del 40% il costo di acquisto di un investimento in beni strumentali nuovi ammortizzabili preso a base per l’ammortamento o per la deduzione dei canoni di leasing. Ciò significa che le imprese possono dedurre il 140% del prezzo di acquisto dei beni strumentali.

La proroga annunciata dal premier Renzi riguarda in particolare la maggiorazione del 40% sugli ammortamenti che potrebbe rimanere valida anche per gli acquisti effettuati nel 2017. Secondo una stima governativa il super ammortamento pesa sulle casse dello Stato, in termini di minori entrate, per 170 milioni quest’anno, 943 milioni nel 2017 e 1,2 miliardi nel 2018.

Di iper ammortamento ha parlato anche il Ministro per lo sviluppo economico Carlo Calenda, focalizzando, però, l’attenzione sugli investimenti per il digitale. Il Ministro ha promesso “un ulteriore accelerazione del super ammortamento su investimenti per il digitale, una misura in chiave di industria 4.0. La legge di stabilità, infatti, secondo le dichiarazioni del Governo, sarebbe anche l’occasione per spingere il piede sull’acceleratore degli investimenti sul digitale, la nuova frontiera dell’industria.

Confermato anche il Patent box

La seconda misura confermata dal Governo è il patent box, il bonus fiscale valido per i redditi derivanti dall’utilizzo dei beni immateriali, vale a dire la tassazione agevolata su opere dell’ingegno, brevetti industriali, marchi, ecc.

L’agevolazione fiscale consiste in una parziale esenzione su IRES e IRAP da applicare sui redditi derivanti dall’utilizzo diretto o dalla concessione in uso a terzi sui beni immateriali, cioè “opere dell’ingegno, brevetti industriali, know how, disegni, modelli, processi, formule e informazioni relativi a esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili”. Possono esercitare l’opzione i soggetti titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dal tipo di contabilità adottata e dal titolo giuridico in virtù del quale avviene l’utilizzo dei beni.

Introdotto dalla legge di stabilità 2015 e già a regime, il patent box potrebbe essere prorogato anche oltre il 2017. Il primo anno, il bonus fiscale è stato del 30%, del 40% nel 2016 e del 50% nel 2017, ma l’intenzione del Governo sarebbe quella di prorogarlo anche nei prossimi anni, anche se resta da chiarire l’entità del bonus. Nel 2015, con oltre 3.500 richieste di accesso al bonus, la misura è costata circa un miliardo in termini di minori entrate per lo Stato.

Insomma, il cantiere della legge di stabilità è già in fermento, resta, però, da capire quanto sarà ampio il margine fiscale di manovra del Governo che comunque sembra intenzionato a prorogare la misure di sostegno agli investimenti d’impresa.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/imprese-super-ammortamento-e-patent-box-ecco-il-cantiere-della-legge-di-stabilita-2016-1460055

 

Menu Principale

Risorse Utili