In risalto oro e metalli preziosi. Petrolio sotto pressione

E-mail Stampa PDF

Il mercato dei metalli preziosi mostra dei segnali di recupero, mentre il petrolio continua a stare sotto pressione con il mercato che rimane incerto sulle aspettative di un taglio della produzione da parte dei principali produttori.

Martedì i futures del Brent hanno subito una contrazione dell’1,97%, portandosi a 47,37 dollari al barile, mentre il West Texas Intermediate è sceso del 2,29% a 45,23 dollari al barile, a causa del rapporto mensile dell’OPEC che mostra un’offerta ancora troppo alta.

Nella notte, i cartelli produttori del petrolio hanno rivisto l’offerta dei paesi non aderente all’OPEC, aumentata di 200.000 dollari di barili al giorno nel 2016 e che è stimata per 540.000 barili al giorno per il 2017. Il rapporto dell’OPEC ha indicato il Kazakistan, il Mare del Nord e il Canada come i paesi principali che stanno contribuendo ad aumentare l’offerta di petrolio.

Un analista di JBC Energy ha affermato: “Il movimento ribassista si è inizialmente materializzato quando l’OPEC ha diffuso i suoi dati durante la notte. Questo è in linea con le nostre previsioni di una offerta in crescita da parte dei produttori non-OPEC nei prossimi mesi, cosa che dovrebbe portare la produzione da una media di 44,7 milioni di barili al giorno del terzo trimestre a 45,7 milioni di barili al giorno nel primo trimestre del 2017”.

“Inoltre, le implicazioni dell’OPEC riguardo un potenziale surplus globale di 750.000 barili al giorno è abbastanza assorbibile e in linea teoria può essere un punto di supporto per spingere le forze interessate a guidare produttori chiave OPEC e non-OPEC verso qualche forma di collaborazione”.

Al di fuori del mercato del petrolio, i metalli preziosi hanno dato qualche segnale di recupero dopo la caduta avuta sui timori di un innalzamento dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense, con i commenti dei funzionari che sono stati meno aggressivi del previsto.

L’oro quotato al Comex con scadenza dicembre ha fatto segnare una crescita dello 0,27% con i prezzi che si sono portati a 1329,30 dollari l’oncia, mentre l’argento è salito dello 0,52% a 19,16 dollari l’oncia. Hussein Sayed, un analista di FXTM, ha detto che l’oro ha ricevuto una spinta dalle parole del governatore della Fed Lael Brainard, che ha abbassato le aspettative di un imminente rialzo dei tassi.

“I mercati erano ansiosi di ascoltare i commenti di Brainard per capire se i recenti dati economici erano sufficienti a trasformare le colombe in falchi, ma lei ha chiarito che ci sono una serie di fattori da prendere in considerazione prima di alzare i tassi di interesse, come l’assenza di accelerazione delle pressioni inflazioniste e i rischi all’estero”.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/risalto-oro-e-metalli-preziosi-petrolio-sotto-pressione-1465439

 

Menu Principale

Risorse Utili