Modello Unico PF 2016, scadenza 30 settembre: le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate

E-mail Stampa PDF

L’ultimo appuntamento fiscale del mese  sarà anche il più gravoso. Entro il 30 settembre infatti molti contribuenti che non hanno già presentato la dichiarazione dei redditi in formato cartaceo entro il 30 giugno 2016 dovranno provvedere alla presentazione, tramite via telematica, del Modello Unico Persone Fisiche 2016.

L’Agenzia delle Entrate, tramite il proprio sito, ha reso note le linee guida per la trasmissione: chi deve presentarlo, quando e come. Di seguito vi proponiamo tutte le istruzioni necessarie per evitare errori e (salate) sanzioni.

Modello Unico PF 2016: chi deve presentarlo

Devono presentare il modello Unico Pf, le seguenti categorie di contribuenti che nel 2015 hanno registrato:

- redditi d’impresa, anche in forma di partecipazione,

redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita Iva,

redditi “diversi” e dunque non compresi fra quelli dichiarabili tramite il modello 730 ordinario o precompilato,

plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate o derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate in società residenti in Paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati,

redditi provenienti da “trust”, in qualità di beneficiario.

Sono tenuti alla trasmissione del modello Unico PF anche i contribuenti che nell’anno precedente e/o in quello di presentazione della dichiarazione non risultano residenti in Italia e coloro che devono presentare una delle seguenti dichiarazioni: IVA, IRAP, Modello 770ordinario e semplificato. L’obbligo vale anche per i soggetti che devono presentare la dichiarazione dei redditi per conto dei contribuenti deceduti.

In ultimo, coloro che usa il modello 730 potrebbero dover presentare alcuni quadri contenuti nel modello Unico PF, come il quadro RW - Investimenti all’estero e/o attività estere di natura finanziaria - monitoraggio - Ivie/Ivafe).

Modello Unico PF 2016: le date da ricordare

Come detto in precedenza, per i contribuenti che trasmettono il modello Unico tramite via telematica, la scadenza da ricordare  il 30 settembre.

Chi invece presenta la dichiarazione dei reditti in formato cartaceo presso gli uffici postali, dovrebbe aver presentato la dichiarazione entro il 30 giugno 2016 .

Modello Unico PF 2016: come presentare

Il modello Unico PF 2016 deve essere presentato entro il 30 settembre 2016 solo ed esclusivamente tramite via telematica. I contribuenti avranno la possibilità di trasmettere la dichiarazione direttamente (utilizzando i servizi Fisconline o Entratel) o tramite intermediario abilitato.

In proposito, l’Agenzia delle Entrate sottolinea che: “In caso di presentazione telematica, la dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è conclusa la ricezione dei dati da parte dell’Agenzia delle entrate. La prova della presentazione della dichiarazione è data dalla comunicazione attestante l’avvenuto ricevimento dei dati, rilasciata sempre per via telematica”.

Modello Unico PF 2016 per correggere il 730

I contribuenti che hanno commesso degli errori nella compilazione del modello 730, dovranno presentare il modello Unico PF e pagare le somme dovute. Nel caso in cui invece il 730 sia stato compilato correttamente, ma si siano verificate dimenticanze riguardanti gli oneri deducibili o detraibili, il soggetto avrà la possibilità di scegliere se presentare Unico entro settembre, oppure se presentare entro il 25 ottobre un modello 730 integrativo.

Modello Unico PF 2016: modalità di compilazione

Per compilare Unico PF 2016 sarà necessario utilizzare il software di compilazione presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate che consentirà di creare sia il file da inviare telematicamente che il modello di versamento F24.

Per la preparazione della dichiarazione modello Unico Pf 2016, gli utenti registrati a Fisconline devono utilizzare l’applicazione “Desktop telematico”; mentre gli utenti registrati a Entratel potranno usare anche  l’applicazione Entratel.

Modello Unico PF 2016: dati da inserire

Il modello Unico Persone Fisiche  comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA.

Per quanto riguarda il Modello Unico, quest’ultimo è suddiviso in tre fascicoli. Il Fascicolo, obbligatorio per tutti, si compone di:

– FRONTESPIZIO in cui occorre inserire i dati che identificano il dichiarante le  informazioni relative al contribuente e alla dichiarazione;

– prospetto dei familiari a carico, quadri RA (redditi dei terreni), RB (redditi dei fabbricati), RC (redditi di lavoro dipendente e assimilati),RP (oneri e spese), RN (calcolo dell’IRPEF), RV (addizionali all’IRPEF), CR (crediti d’imposta), RX (compensazioni e rimborsi) e CS (contributo di solidarietà);

Il Fascicolo 2 contiene invece i quadri destinati ai contributi previdenziali e assistenziali e agli altri redditi da parte dei contribuenti non obbligati alla tenuta delle scritture contabili, nonché il quadro RW (investimenti all’estero) ed il quadro AC (amministratori di condominio);

Nel fascicolo 3 sono invece contenuti i quadri necessari per dichiarare gli altri redditi da parte dei contribuenti obbligati alla tenuta delle scritture contabili e  istruzioni particolari per la compilazione della dichiarazione IVA

Per quanto riguarda il Modello IVA compreso nella dichiarazione unificata, esso risulta  identico a quello previsto per la dichiarazione in forma non unificata.

Modello Unico PF: credito d’imposta

In ultimo, occorre sottolineare che i contribuenti che dovessero risultare a credito, potranno utilizzare le somme in compensazione. Per farlo, bisognerà barrare l’apposita casella. In alternativa si potrà anche richiedere  il rimborso, comunicando all'Agenzia delle entrate il proprio IBAN.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/modello-unico-pf-2016-scadenza-30-settembre-le-istruzioni-dellagenzia-delle-entrate-1466019

 

Menu Principale

Risorse Utili