Statali, novità nella legge di bilancio: risorse troppo scarse per lo sblocco dei contratti

E-mail Stampa PDF

La possiamo tirare e girare in ogni modo, la coperta per il rinnovo dei contratti degli statali resta corta. L’atteso sblocco dei contratti da parte del Governo e l'aumento delle buste paga, alla fine, ha partorito un topolino.

Lo scorso anno l’esecutivo aveva stanziato per i dipendenti statali 300 milioni di euro e fu costretto ad ammettere che si trattava soltanto di una cifra simbolica. Ma con la legge di bilancio per il 2017 la situazione non migliora molto. Le slide con cui il premier Renzi ha presentato la legge di bilancio indicavano per i contratti dei dipendenti statali uno stanziamento di 1,9 miliardi, ma anche in questo caso il Governo è stato costretto a precisare che la cifra “reale” alla fine è molto più bassa. In effetti leggendo il capitolo 52 della legge di bilancio, quello che istituisce il “Fondo per il pubblico impiego” si scopre che questi 1,9 miliardi servono a coprire diverse spese e che, alla fine dei conti, in tasca ai dipendenti pubblici andranno soltanto due spiccioli, secondo il Sole 24 Ore siamo nell’ordine dei 20 euro.

Dipendenti statali: una vecchia storia

Il contratto dei dipendenti statali è bloccato da circa sei anni.Nel 2010, il quarto Governo Berlusconi impose per decreto il blocco delle retribuzioni di circa 3,3 milioni di dipendenti statali per gli anni 2011-2012-2013. Non revocato dal Governo Monti, il blocco degli stipendi statali è stato rinnovato dall’esecutivo Letta fino alla fine del 2014. Il Governo Renzi, con il neo ministro per la Pubblica amministrazione Marianna Madia promise lo sblocco degli stipendi statali nelle legge di stabilità per il 2015, ma a settembre gelò i dipendenti statali dicendo che le risorse disponibili non erano sufficienti.

Sulla vicenda è intervenuta, nel giugno scorso, la Consulta che ha stabilito l’illegittimità del blocco degli stipendi dei dipendenti statali, ma senza azione retroattiva, elemento quest’ultimo che ha fatto risparmiare al Governo circa 35 miliardi di euro di rimborsi e 13 miliardi a regime.

Da qualche mese quindi, si è nuovamente aperta la polemica sindacati-Governo sulle risorse da stanziare per lo sblocco delle retribuzioni dei contratti dei dipendenti statali.I primi hanno chiesto 7 miliardi di euro, ma la risorse stanziate dalla legge di bilancio per il 2017 sono molto più contenute.

Legge di bilancio: articolo 52 sui dipendenti statali

Con la trasmissione al parlamento, il testo della legge di stabilità è finalmente diventato pubblico. L’articolo 52, “Fondo per il pubblico impiego” stanzia le risorse destinate ai 3,3 milioni di dipendenti pubblici italiani. Il testo spiega che “per il pubblico impiego sono complessivamente stanziati 1.920 milioni di euro per l'anno 2017 e 2.630 milioni di euro a decorrere dall'anno 2018”. La cifra indicata nella slide di Renzi.

Ma la legge di bilancio prosegue spiegando che queste risorse saranno utilizzate per le seguenti modalità: “300 milioni di euro annui, posti a carico del bilancio dello Stato per la contrattazione collettiva relativa al triennio 2016-2018”; la “definizione, per l'anno 2017 e a decorrere dal 2018, del finanziamento da destinare ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nell'ambito delle amministrazioni dello Stato, ivi compresi i Corpi di polizia ed il Corpo nazionale dei vigili del fuoco” e “140 milioni di euro per l'anno 2017 e 400 milioni a decorrere dall'anno 2018, da destinare all'incremento dell'organico” del Ministero dell’istruzione.

Tirando le somme, il Governo ha stanziato per il 2017 1,9 miliardi di euro per i dipendenti statali, ma questa cifra sarà così suddivisa:

  • 300 milioni di cui si parla dallo scorso anno, ma mai utilizzati perché non è stato trovato un accordo tra Governo e sindacati
  • 140 milioni per le assunzioni della scuola. La legge di bilancio non indica il numero dei nuovi docenti da stabilizzare, ma prevede una spesa di questa entità
  • 510 milioni, solo per il 2016, per il rinnovo del bonus 80 per i dipendenti statali, così come i privati;
  • altre risorse, non quantificate per le altre assunzioni nella pubblica amministrazione.

Secondo i calcoli del Sole 24 Ore quindi, la dote complessiva destinata ad aumentare gli stipendi dei dipendenti statali si ferma sotto quota 700 milioni, circa 20 euro in più in busta paga. Viste le cifre, trovare un accordo con i sindacati non sarà facile.

 

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/statali-novita-nella-legge-di-bilancio-risorse-troppo-scarse-lo-sblocco-dei-contratti-1472959

 

Menu Principale

Risorse Utili