Saldo IMU e TASI 2016, scadenza 16 dicembre: come si calcola? Ecco tutte le istruzioni per pagare la seconda rata

E-mail Stampa PDF

Come da tradizione, è arrivato uno degli appuntamenti fiscali più odiati dell’anno. Il 16 dicembre scade il termine ultimo per pagare il saldo della seconda rata di IMU e TASI valido per il 2016.

Nonostante le esenzioni e i numerosissimi cambiamenti stabiliti nel corso degli ultimi anni, dall’esenzione sulle prime case al blocco degli aumenti delle aliquote previsto dalla legge di Bilancio, sono in molti ad avere ancora le idee confuse su chi deve pagare, come, quando, quanto ecc. Anzi, se è possibile, le modifiche imposte dall’altro hanno contribuito ad alimentare incertezze, non consentendo a molti contribuenti di sapere cosa fare.

All’interno di questo articolo, vorremmo fornire alcune istruzioni generali, relative alle modalità pratiche di calcolo del saldo IMU e TASI 2016, nella speranza di sciogliere almeno uno dei dubbi esistenti sul pagamento delle suddette imposte.

Saldo IMU e TASI 2016: modalità di calcolo

Per capire quanto pagare e come effettuare il calcolo dell’importo dovuto al Fisco ogni contribuente dovrà partire dall’ormai celebre rendita catastale dell’immobile soggetto ad imposizione rivalutata del 5%. Il risultato ottenuto va poi moltiplicato per il coefficiente di riferimento dell’immobile soggetto a versamento e infine occorre moltiplicare il tutto per le aliquote deliberate dal Comune in cui è ubicato l’immobile.

Per semplificare riportiamo di seguito i passaggi da effettuare:

1= rivalutazione del 5% della rendita catastale;

2= applicazione al risultato del coefficiente di riferimento dell’immobile:

3= moltiplicare il numero ottenuto per l’aliquota di riferimento deliberata dal Comune.

Per quanto riguarda le aliquote da utilizzare per il calcolo, come detto, variano da Comune a Comune. Per conoscere quanto deciso dai rappresentanti del proprio territorio, ogni contribuente può consultare le delibere presenti sul sito del Dipartimento delle Finanze(selezionando la Regione, la città e la delibera di riferimento), oppure consultare direttamente le regole presenti sul sito del proprio Comune, andando sulla sezione dedicata a IMU e TASI 2016. A questo proposito si ricordi che, Legge di stabilità 2016 ha stabilito che ii Comuni non possono aumentare le aliquote previste per la TASI e per l’IMU l’anno in corso.

Da sottolineare che al calcolo devono essere applicate le detrazioni e le agevolazioni e le esenzioni stabilite in corso d’opera. Per fare un solo esempio: a decorrere d al 2016 per un immobile concesso in comodato a un parente di primo grado in linea retta , il comodante gode della riduzione della base imponibile dell'IMU e della TASI al 50%.

Saldo IMU e TASI 2016: i coefficienti di riferimento

Per comodità vi forniamo i coefficienti da utilizzare per calcolare l’importo da pagare entro il prossimo 16 dicembre.

  • Coefficiente 160: per abitazioni di categoria catastale da A/1 a A/11 (escluso A/10) e C2, C6 e C7, cioè abitazioni di tipo: signorile, civile, economico, popolari, ultrapopolari, rurali, villini, ville, castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici, alloggi tipici dei luoghi. Ma anche: Magazzini e locali di deposito, stalle, scuderie, tettoie

  • Coefficiente 80: categoria catastale A10 e D5 (Uffici o studi privati, istituti di credito, cambio e assicurativi)

  • Coefficiente 140: categorie catastali da  B1 a B8 e C3, C4 e C5 - Collegi e convitti, case di cura e ospedali non a scopo di lucro, prigioni e riformatori, uffici pubblici, scuole e laboratori, biblioteche, musei, gallerie, accademie, circoli, laboratori per arti e mestieri, fabbricati e locali per esercizi sportivi non a scopo di lucro, stabilimenti balneari;

Saldo IMU e TASI 2016: i calcolatori online

Per chi non volesse calcolare l’importo dovuto da solo, il web offre diversi calcolatori online in grado di determinare l’ammontare dovuto inserendo pochi, semplici dati. Ve ne consigliamo due:

  • il primo è il calcolatore presente sul sito web delle Amministrazioni Comunali che, oltre a calcolare l’importo del saldo di IMU e TASI consente anche di stampare il modello F24 necessario per il pagamento.

  • Il secondo è invece a disposizione sul sito riscotel.it.

LE NOSTRE GUIDE PER IMU E TASI 2016

Chi, come e quanto deve pagare?

Quale aliquota bisogna usare?

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/saldo-imu-e-tasi-2016-scadenza-16-dicembre-come-si-calcola-ecco-tutte-le-istruzioni-pagare-la

 

Menu Principale

Risorse Utili