IMU e TASI: come si compila l'F24? Ecco le istruzioni per il pagamento del saldo 2016

E-mail Stampa PDF

Entro il 16 dicembre, i contribuenti sono tenuti a pagare il saldo delle tasse su immobili e terreni: l’IMU e la TASI. Per il pagamento i proprietari possono rivolgersi ad un ufficio postale oppure utilizzare un modello F24 in cui indicare dati del proprietario, del Comune di residenza e dell’immobile. Visto che la compilazione del modello F24 non è così banale come potrebbe sembrare, in vista della scadenza per il pagamento di IMU e TASI può essere utile una breve guida alla compilazione dell’F24.

Saldo IMU e TASI: come si compila l’F24

La prima parte è dedicata ai dati anagrafici. Negli appositi campi del primo quadro, il contribuente deve inserire:

  • codice fiscale
  • dati anagrafici
  • domicilio fiscale

In caso di coobbligato è necessario inserire anche il codice fiscale dell’erede, genitore, tutore o curatore fallimentare utilizzando i seguenti codici:

  • Per genitore o tutore 02
  • Per curatore fallimentare 03
  • Per erede 07

La seconda parte è quella relativa all’immobile e al Comune di residenza: “Sezione IMU e altri tributi locali”. Nella prima colonna il contribuente deve indicare il codice dell’ente o del Comune in cui si trova l’immobile o il terreno per il quale pagare l’IMU o la TASI.

Si tratta di un codice di quattro cifre identificativo del Comune che il contribuente può trovare sul sito dell’Agenzia delle Entrate (qui il link): il codice per pagare la TASI e l’IMU a Roma è l’H501 e per Milano F205. Nella colonna accanto è necessario barrare la casella con scritto “saldo” per ognugno degli immobili indicati (se sono più di uno).

Poi si passa al codice tributo, questi i codici necessari per il pagamento dell’IMU:

  • 3912 per l’abitazione principale e relative pertinenze (destinatario il Comune)
  • 3913 fabbricati rurali ad uso strumentale (destinatario il Comune)
  • 3914 terreni (destinatario il Comune)
  • 3915 terreni (destinatario lo Stato)
  • 3916 aree fabbricabili (destinatario il Comune)
  • 3917 aree fabbricabili (destinatario lo Stato)
  • 3918 altri fabbricati (destinatario il Comune)
  • 3919 altri fabbricati (destinatario lo Stato)
  • 3923 interessi da accertamento (destinatario il Comune)
  • 3924 sanzioni da accertamento (destinatario il Comune).

Per il pagamento del saldo della TASI, invece, i codici da utilizzare sono i seguenti:

  • 3958 per l’abitazione principale e relative pertinenze
  • 3959 per fabbricati rurali ad uso strumentale
  • 3960 per le aree fabbricabili
  • 3961 per altri fabbricati.

Andando avanti c’è la colonna da compilare soltanto in caso di piano di rateazione e quella successiva in cui indicare l’“anno di riferimento” in cui si riferisce il pagamento del saldo di IMU a TASI. Nell’ultima parte ci sono le colonne per indicare il totale di IMU e TASI da pagare e le eventuali compensazioni.

Come si calcolano IMU a TASI

Per il calcolo di IMU e TASI si consiglia di utilizzare il programma messo a disposizione daamministrazionicomunali.it. Qui è sufficiente inserire il codice catastale del Comune (c’è un sistema di ricerca); la tipologia dell’abitazione, la rendita catastale; la percentuale di possesso (in caso di unico proprietario sarà al 100%); i mesi di possesso (in caso di inquilino che non ha passto l’intero anno nell’immobile).

Poi c’è da inserire l’aliquota fissata dal Comune per il pagamento di IMU e TASI nell’anno in corso. Le delibere dei Comuni che hanno modificato le aliquote devono essere pubblicate sul sito delle Finanze.

Leggi anche: IMU a TASI 2016: quale aliquota usare per il calcolo del saldo? Ecco la guida del Tesoro

Come si pagano IMU a TASI

Il pagamento di IMU e TASI si può fare presso gli sportelli dell’Agenzia delle Entrate, di Poste e banche anche tramite l’online banking. Il pagamento può avvenire in contanti oppure con assegni bancari in banca o presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate; tramite canali telematici oppure presso gli uffici postali.

I titolari di partita IVA sono però obbligati al versamento per via telematica, utilizzando i servizi Entratel o Fisconline, servizi di home banking, poste online, remote banking o tramite un intermediario abilitato. Per i versamenti oltre mille euro l’obbligo si è esteso a tutti i contribuenti.

Per approfondire sul pagamento della TASI leggi anche:

  • IMU e TASI 2016: versamento saldo entro il 16 dicembre. Ecco chi, come e quanto deve pagare
  • IMU a TASI 2016: quale aliquota usare per il calcolo del saldo? Ecco la guida del Tesoro
  • Saldo IMU e TASI 2016, scadenza 16 dicembre: come si calcola? Ecco tutte le istruzioni per pagare la seconda rata

LE NOSTRE GUIDE PER IMU E TASI 2016

Chi, come e quanto deve pagare?

Quale aliquota bisogna usare?

Come si calcola il saldo? 

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/imu-e-tasi-come-si-compila-lf24-ecco-le-istruzioni-il-pagamento-del-saldo-2016-1478198

 

Menu Principale

Risorse Utili