Bollo auto: esenzioni, sconti e radiazioni. Ecco le novità per il pagamento di fine anno

E-mail Stampa PDF

Si avvicina la prossima scadenza del bollo auto, una delle tasse più odiate dagli italiani. I proprietari di auto che sono chiamati alla cassa il 31 dicembre 2016  hanno tempo fino al 2 gennaio per saldare l’importo del bollo auto senza dover pagare gli interessi di mora che scattano dal giorno successivo.

Tra la legge di bilancio per il prossimo anno e le norme approvate a livello regionale, ci sono importanti novità per il 2017 sul pagamento del bollo auto: esenzioni previste per le persone con disabilità, sconti sul pagamento tramite domiciliazione bancaria e radiazione dal PRA in caso di mancato saldo.

Radiazione dal PRA per mancato pagamento del bollo

Per cercare di spingere sul recupero del bollo auto evaso, il Fisco ha rispolverato una vecchia norma sul pagamento della tassa automobilistica, mai davvero applicata. Sarà prevista la radiazione d’ufficio dal Pubblico registrato automobilistico (PRA) per le automobili non in regola con il pagamento del bollo auto. In particolare, la norma prevede che dopo tre anni consecutivi di mancato pagamento del bollo auto il veicolo sarà cancellato dal registro e non potrà più circolare. Il proprietario rischierebbe sanzioni da 419 a 1.682 euro e la definitiva confisca dell’auto.

Sconto del 10% sul bollo

Altra novità riguarda le modalità di pagamento del bollo auto: coloro che pagheranno la tassa tramite la domiciliazione bancaria otterranno una riduzione del 10% dell’importo totale. La novità sarà valida a partire dal primo gennaio 2017, ma, per il momento, entrerà in vigore soltanto nella Regione Lombardia.

La novità interessa coloro che devono pagare il bollo auto con scadenza 31 dicembre 2016: per questo motivo infatti, le operazioni per attivare la domiciliazione bancaria sono state aperte il 15 novembre, in tempo quindi per permettere di sfruttare l'opportunità ''sconto'' a chi ha il bollo in scadenza a fine anno.

Disabilità ed esenzione dal pagamento del bollo auto

La legge 104/92 prevede l'esenzione del pagamento del bollo auto per i veicoli destinati alla mobilità dei cittadini portatori di handicap o invalidi. In vista della scadenza di gennaio si ricorda che sono quattro le tipologie di esenzione dal bollo auto previste dalla legge:

  • Disabilità con patologia che comporta ridotte o impedite capacità motorie permanenti.
  • Disabilità con patologia che comporta grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni.
  • Disabilità mentale o psichica.
  • Disabilità per cecità o sordità. In questo caso il veicolo non necessita di un adattamento tecnico per essere riconosciuto esente dal pagamento del bollo auto.

La domanda per l'esenzione del bollo varia da Regione a Regione e va presentata all’ufficio ACI competente al quale andrà presentata la carta di circolazione dell’auto e la documentazione che accerta l'handicap da parte dell’ASL. Una volta riconosciuta l'esenzione dal pagamento del bollo per il primo anno, questa prosegue per gli anni successivi senza dover presentare nuovamente domanda e documentazione. Nel caso in cui vengano meno le condizioni che determinano l’esenzione, l’interessato o i suoi familiari (in caso di decesso) devono comunicarlo all’ACI di riferimento.

Bollo auto: altri ritocchi

Altre piccole novità previste dalla legge di bilancio per il 2017 è il divieto di effettuare la revisione periodica all’autoper coloro che non sono in regola con il pagamento del bollo e la possibilità di effettuare il pagamento cumulativo della tassa automobilistica per le aziende con auto e camion di cui risultano proprietarie, usufruttuarie o acquirenti.

Authors: InvestireOggi.it

Leggi originale su: http://it.ibtimes.com/bollo-auto-esenzioni-sconti-e-radiazioni-ecco-le-novita-il-pagamento-di-fine-anno-1478882

 

Menu Principale

Risorse Utili