Cookies a fini pubblicitari: legittimi solo con il consenso dell’utente

E-mail Stampa PDF

26 giu

image

Stop ai cookies a fini commerciali e di marketing: un provvedimento del Garante della Privacy ha stabilito l’obbligo del consenso informato degli utenti che visitano le pagine web.

Già, ma cosa sono questi “cookies”?I cookies sono file di piccole dimensioni che contengono informazioni relative ad un utente in relazione ad un server, per cui l’utente, ogni volta che accede ad un sito, viene “registrato” e le informazioni a lui relative memorizzate, per poi essere ritrasmesse agli stessi siti alla visita successiva.Sono usati per eseguire autenticazioni informatiche e memorizzazione di informazioni sui siti specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server, come, ad esempio, i siti preferiti o, in caso di acquisti via internet, il contenuto dei “carrelli della spesa”.

Ma i cookies “incriminati” dal Garante sono, in particolare, quelli di “profilazione”, quelli, cioè, che permettono di creare un profilo dell’utente in base ai dati e alle informazioni raccolte attraverso la sua navigazione su Internet: i siti visitati dall’utente, gli argomenti inseriti nella barra di ricerca, il numero di accessi ad uno stesso sito,… sono tutte informazioni preziosissime, in quanto rivelano gli interessi e le preferenze di ciascun utente e permettono così di costruire un profilo preciso a cui inviare messaggi pubblicitari specifici e basati proprio sui gusti e sugli interessi mostrati dall’utente.

Il Garante della Privacy ha stabilito con un recente provvedimento l’obbligo per i siti che utilizzano i cookies di informare l’utente al momento dell’accesso, tramite un riquadro ben visibile che indichi che il sito utilizza cookies per inviare messaggi pubblicitari mirati e la possibilità per l’utente di disattivarli cliccando su un link che fornisca informazioni dettagliate.Il riquadro deve anche precisare che, in mancanza di disattivazione, l’utente acconsente all’uso dei cookies.

Una decisione molto importante e giusta che permette l’utilizzo di strategie di marketing rispettose del diritto alla privacy e che tutela i dati più sensibili degli utenti, evitando che siano carpiti senza il loro consenso.

« Torna alla home

Diritti, Tecnologia e media

Authors: Casa del Consumatore

Leggi originale su: http://consumatore.tgcom24.it/wpmu/2014/06/26/3318/

 

Menu Principale

Risorse Utili