Arriva Erasmus +, come cambierà la mobilità dei giovani in Europa

E-mail Stampa PDF
Si prepara a tagliare definitivamente i nastri di partenza Erasmus +, il programma europeo di formazione, istruzione e sport che da quest’anno “abbraccerà” i vari Erasmus attualmente esistenti: Leonardo, Comenius e Grundtvig, più Gioventù in Azione, Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink e programma di cooperazione bilaterale con i paesi industrializzati. Progetti che non cesseranno di esistere, ma che sono ora ricompresi sotto un unico “cappello”.Comune anche lo stanziamento di fondi: si parte per il 2014 con un budget di un miliardo e 800 milioni per arrivare complessivamente a un importo totale da qui al 2020 di 14 miliardi e 700 milioni di euro.Cosa cambia in concreto rispetto al passato? Una delle novità principali è la previsione di un budget a copertura di attività sportive in tutti i paesi UE. Anche se la maggior parte dei fondi, circa il 77% è destinata ad attività legate a istruzione e formazione. A proposito di formazione all’estero, un altro aspetto di rottura rispetto al passato è la previsione di attività trasversali da parte dello studente o di chi effettua un tirocinio all’estero. Nel corso di un unico ciclo di studi, inoltre, i periodi di studio all’estero o gli stage possono essere più di uno, nel limite massimo di 12 mesi totali. Uno stesso progetto, inoltre, può comprendere sia un periodo di studio, come nel caso dell’Erasmus, che un periodo di tirocinio, come accade, invece, a chi si candida per partecipare al Leonardo. Ai tirocini sono ammessi anche i neolaureati (entro un anno dal conseguimento del titolo), a patto che la domanda sia presentata prima della fine dell’università.A brevissimo dovrebbe essere pubblicato sul sito di Erasmus + tutto il materiale utile per istituzioni e organizzazioni che intendono fare domanda per ottenere finanziamenti per mettere in atto progetti di mobilità. Intanto è possibile informarsi con la guida all’Erasmus +, dove sono indicati tutti i requisiti necessari per la presentazione delle richieste. Il 17 marzo 2014 è l’ultimo giorno utile in tal senso.Per i futuri candidati saranno disponibili ben presto i bandi per le candidature ai programmi di studio e tirocinio all’estero, per i quali principali referenti resteranno sempre gli atenei e gli enti promotori, nel caso del Leonardo. Restano attivi tutti i bandi di mobilità internazionale già pubblicati, con scadenza nei prossimi mesi dell’anno.Chiara Del Priore31 gennaio 2014Foto: Erasmus+ Authors: JobMeeting.it

Leggi originale su: http://www.jobmeeting.it/magazine/estero/arriva-erasmus-come-cambiera-la-mobilita-dei-giovani-in-europa-31011963

 

Menu Principale

Risorse Utili