10 buone regole da rispettare sulla pista da sci!

E-mail Stampa PDF

 

Amanti della montagna e degli sport invernali per voi sono iniziatiniziati tre, forse quattro (speriamo!) mesi di puro divertimento e passione. Così come ci sarà anche qualche nuovo appassionato che vorrà avvicinarsi alla pratica dello sci o dello snowboard… Bene! Prima di avventurarvi in questa nuova esperienza,è bene che vi appuntiate le 10 buone regole su come comportarsi, come tenere una buona condotta sulle piste innevate e quindi come godersi al meglio la giornata sciistica! Queste regole, stilate dalla FIS (Federation Internationale de Ski), valgono ovviamente anche per chi lo sci o lo snowboard lo pratica ormai da anni. Giusto per rinfrescarsi la memoria, che non fa mai male!

 

1.Rispetto degli altri

 

Oserei dire la regola madre e fondamentale, ogni sciatore o snowboarder deve comportarsi in modo da non mettere mai in pericolo l’incolumità altrui, siate prudenti! Sciatori e snowboarders, infatti, sono responsabili, non solo del loro comportamento in pista, ma anche delle loro attrezzature e dei loro eventuali difetti, anche se nuove ed “ultrastilose”.

 

2.Padronanza della velocità e del proprio comportamento

 

Ogni sciatore o snowboarder deve tenere SEMPRE una velocità ed un comportamento adeguati alle proprie capacità nonché alle condizioni del terreno, della neve, del tempo e del traffico sulle piste. Sciatori e snowboarders devono essere in grado di fare le loro evoluzioni senza intralciare gli altri. Devono anche essere in grado di fermarsi in qualsiasi momento Nelle zone affollate e con ridotta visibilità, soprattutto ad inizio, fine pista e nelle aree di partenza degli impianti, devono muoversi lentamente e lateralmente. Ho visto sciatori fare a spintoni per salire per primo sulla seggiovia impedendo agli altri sciatori il corretto deflusso verso l’impianto. Non è una gara!

 

 

3.Scelta della direzione

 

Lo sciatore o lo snowboarder a monte, essendo in posizione dominante, hanno possibilità di scelta del percorso. Sono quindi obbligati a tenere una direzione che eviti il pericolo di collisione con lo sciatore o lo snowboarder a valle. Lo sciatore o lo snowboarder che è davanti ha sempre la precedenza. Se dietro e sulla stessa direzione di marcia di altro sciatore o snowboarder, si deve mantenere una distanza sufficiente da consentire a chi lo precede di potersi muovere liberamente. Mai visto farlo! Solitamente si innesca una gara di discesa libera che porta l’inseguitore a dover superare chi lo precede! E costui, a sua volta, cerca di recuperare l’altro rimediando al torto subito, assumendo, offeso nell’onore, la cosiddetta posizione ad “uovo”. Niente di meglio! 

 

4.Sorpasso in Pista

 

Il sorpasso può essere effettuato tanto a monte quanto a valle, sulla destra o sulla sinistra, ma sempre a una distanza tale da consentire le evoluzioni e i movimenti (volontari e involontari) dello sciatore o dello snowboarder sorpassato. Lo sciatore o lo snowboarder che effettua un sorpasso è responsabile della sua manovra, e deve effettuarla in modo da non causare nessuna difficoltà a chi sta superando. Questa responsabilità rimane tale per l’intero arco della manovra ed è valida anche per il sorpasso di sciatore o snowboarder eventualmente fermo sulla pista.

 

5.Attraversamento incroci

 

Lo sciatore o snowboarder che si immette o attraversa una pista o un terreno di esercitazione o allenamento, deve assicurarsi, mediante controllo visivo a monte e a valle, di poterlo fare senza alcun pericolo per sé o per gli altri. Lo sciatore deve osservare un comportamento analogo anche dopo ogni sosta.

 

6.Sosta sulla pista

 

Fatte salve circostanze di assoluta necessità, sciatore e snowboarder devono evitare di fermarsi in mezzo alla pista, nei passaggi obbligati o dove manca una buona e ampia visibilità. In caso di caduta devono sgomberare velocemente la pista, cercando di raggiungere un bordo della stessa nel più breve tempo possibile. 

 

7.Salita e discesa lungo una pista da sci

 

Sciatore o snowboarder che risalgono una pista devono procedere rigorosamente lungo i bordi della stessa. Devono osservare un analogo comportamento scendendo o salendo a piedi. Procedere in senso inverso alla direzione normale della discesa presenta situazioni e ostacoli imprevedibili, impossibili da avvertire e da valutare prontamente.

 

 

8.Rispetto della segnaletica

 

Snowboard e snowboarders sono tenuti al massimo rispetto della segnaletica e delle indicazioni esposte sulle piste da sci. I vari gradi di difficoltà delle piste sono indicati, in ordine decrescente, con i colori “nero”, “rosso”, “blu” e “verde”. Sciatore e snowboarders possono liberamente scegliere la pista che preferiscono. Sulle piste vi sono segnali di direzione e indicazioni di pericolo, rallentamento, passaggio stretto, chiusura, o altro, che devono essere scrupolosamente e rigorosamente rispettati. Sono installati nell’interesse di tutti, per evitare incidenti a sciatori e snowboarders.

 

9.Assistenza

 

In caso di incidente, chiunque deve prestarsi al soccorso. Prestare assistenza è un dovere morale che impegna ogni sportivo. Anche se in pista non esiste obbligo legale (c’è un servizio organizzato per il pronto intervento) è necessario impegnarsi, secondo le capacità individuali, a prestare le prime cure, chiamare il pronto intervento, attivarsi per delimitare la zona dove è presente l’incidentato e a segnalare la presenza di uno o più infortunati a chi sta scendendo in pista.

 

10.Identificazione

 

Chiunque, sciatore o snowboarder, sia coinvolto in un incidente in pista, che sia responsabile o meno o che abbia un semplice ruolo di testimone, è tenuto a fornire le proprie generalità. La relazione di eventuali testimoni è di grande e determinante importanza per la stesura di un corretto rapporto sull’incidente. Ogni sportivo deve avvertire quest’obbligo morale di onestà in forma imperativa.

 

 

L’importanza dell’attrezzatura:

 

Anche l’attrezzatura conta. Infatti, per la sicurezza propria e per quella altrui, è bene seguire alcuni consigli:

far controllare sci e attacchi in un negozio specializzato e, se necessario, sostituire gli elementi che risultino ormai inaffidabili; verificare anche che le suole degli scarponi siano in buone condizioni e non presentino crepe, perché in caso di necessità potrebbero sganciarsi dagli sci con difficoltà.

 

Ricordo infine che il casco serve realmente (e non solo per chi ha meno di 14 anni) per ridurre le conseguenze di un trauma cranico. A questo proposito, quando acquistate il casco verificate che sia omologato secondo UNI EN 1077 e che ci sia il marchio CE.

 

Adesso non vi resta dunque che appuntarvi questi pratici consigli nel vostro zaino e partire di buon ora per la prima pista mattutina!

 

Scritto da Angelica Scarponi

Authors: Sambieuropei.it

Leggi originale su: http://feedproxy.google.com/~r/scambieuropei1/~3/i-ebHP3_g58/6845-10-buone-regole-da-rispettare-sulla-pista-da-sci

 

Menu Principale

Risorse Utili


Articoli correlati

Purtroppo non ci sono articoli correlati