Basta solo chiudere gli occhi

E-mail Stampa PDF
Non servono solo i treni e gli aerei per viaggiare.Che la mente dei viaggiatori non finisce mai di volare.

Troveranno un lavoro, una casa, un amore, ma mai la loro mente metterà radici, mai s’impianterà in qualche posto o si legherà a qualche persona.

Troveranno sempre il modo di sfuggire alla loro esistenza abitudinaria e piatta.E non lo faranno con le proprie gambe, ma con la loro mente.

Li riconosci sempre i sognatori, li riconosci dallo sguardo. Ti accorgi che i loro occhi spesso sono assenti, perché mentre cerchi di coinvolgerli nei tuoi discorsi, loro stanno guardando ciò che tu non vedi.Nella loro testa si affacceranno immagini diverse, quelle che popolano il loro mondo segreto, unico posto in cui riescono ad evadere.

Che la loro testa è una galleria d’arte, piena di foto di città diverse, di giornate felici, di ritratti di famiglie internazionali, composte da amici sparsi in tutto il mondo, che si abbracciano e ridono a crepapelle.E in quel posto segreto, ci troverai anche paesaggi mozzafiato. Quelli che si ammirano e non si fotografano per lasciarne intatta la bellezza e non alterare l’estasi della contemplazione.

Nella mia, di galleria, ci sono acquarelli di tramonti sulla collina, quando il sole dipinge di rosso le case bianche di calce, quelle tipiche dell’Andalusia. E i miei dipinti non ritraggono mai principi o re, ma solo persone semplici, ballerini gitani, che ballano intorno al fuoco, frementi, vestiti di rosso, scalzi, liberi. Ci sono gigantografie di paesaggi marini, di giorno, quando il sole e il caldo invita i bagnanti a giocare con le onde.

Il mare è sempre quello Mediterraneo, l’unico che io abbia mai amato. Ogni tanto il blu del mare, si mescola a macchie di verde, quelle degli uliveti, delle vigne e degli alberi di agrumi. E non ci sarà solo la natura, ma anche scorci metropolitani, di grattacieli con vetri brillanti e monumenti antichi, che si amalgamano così bene da essere oggetto di ammirazione per turisti curiosi.

Ci saranno proiezioni a bianco e nero di baci, quelli più emozionanti, scambiati nei posti più suggestivi, romantici. Perché lo scambio di quelle tenerezze, rievoca sensazioni dolci e melanconiche di promesse d’amore mai realizzate.A volte ci sono quadri dentro i quadri; autoritrattidi me che osservo pensierosa, da una finestra, fumando una sigaretta.

Rintanarsi nelle immagini dei ricordi, è l’unico modo per conservare la magia, nella quotidianità. Non servono biglietti costosi, per viaggiare.

Si può essere altrove anche mentre si è seduti in un tram affollato o fingendo di ascoltare qualcuno in un appuntamento noioso.

Allacciare le cinture non serve..Basta chiudere un attimo gli occhi e subito, si parte.

Scritto da: Chiara Arsieri

Authors: Sambieuropei.it

Leggi originale su: http://feedproxy.google.com/~r/scambieuropei1/~3/AQ-wPUbB2gE/6981-basta-solo-chiudere-gli-occhi-

 

Menu Principale

Risorse Utili


Articoli correlati

Purtroppo non ci sono articoli correlati