Prestigiosi riconoscimenti a ex-allievi e docenti dei master di Università Politecnica Marche e IED

E-mail Stampa PDF
image

L’Università Politecnica delle Marche vanta un prestigioso riconoscimento: il prof. Maurizio Battino – professore del dipartimento di Scienze Cliniche Specialistiche ed Odontostomatologiche  – sarà infatti l’unico rappresentante del mondo accademico italiano tra i relatori della seconda edizione del “Quality of Life”, il work-shop organizzato dall’Ambasciata Italiana a Belgrado e che si terrà oggi 09 giugno.  Il professore spiegherà i vantaggi della dieta mediterranea e ne sosterrà la candidatura a patrimonio intangibile dell’umanità. L’ateneo marchigiano svolge inoltre una intensa attività nel campo della ricerca e della formazione in ambito nutrizionale con una serie di master realizzati in collaborazione con Funiber.

I lavori saranno articolati in quattro sessioni (Food&Science, Food&Institutions, Food&Health e Food&Culture), ciascuna delle quali sarà relazionata da figure istituzionali appartenenti ad Italia e Serbia: tra gli italiani, assieme al prof. Battino, parteciperà anche Riccardo Rossi Paccani, funzionario del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Dalla nutrizione al design, per segnalare invece che Emily Catena, diplomata IEDRoma in Product Design nel 2010, è tra i tre vincitori della Targa Giovani del XXIII Premio Compasso d’Oro ADI: questoPremio è il più antico ma soprattutto il più autorevole riconoscimento mondiale di design che viene assegnato ogni tre anni da una Giuria, appositamente incaricata da ADI e Fondazione ADI, e che lavora sulla base della selezione pubblicata sugli ADI Design Index annuali. La Targa Giovani, in particolare, rappresenta il più alto riconoscimento attribuito a junior designer ed è frutto di tre anni di selezioni su circa 500 candidature provenienti da tutte le scuole di livello universitario e accademico, pubbliche e private.

Emily Carena ha vinto con il progetto di tesi IED: Color ID che consiste in un prototipo di occhiali in grado di consentire l’acquisizione e l’applicazione sulla montatura di differenti texture e colori grazie a Color e-ink, inchiostro digitale già presente negli e-book. Attraverso questa tecnologia inserita all’interno dell’occhiale e insieme ad altri dispositivi (bluetooth, gel conduttivo, processore, batteria thin Energy e piastrine conduttrici), è possibile trasferire immagini da riprodurre sulla superficie dell’occhiale, anche da un semplice telefono cellulare. Il commento di Antonio Venece, School Manager IED Roma: “un traguardo prestigioso che testimonia non solo la genialità creativa di un giovane talento, ma anche l’innovazione e la ricerca del percorso formativo IED che negli anni ha formato generazioni di designer testimoniando il valore della “scuola romana”.

Anche altri dipolmati IED, ma questa volta della sede di Milano – Attila Veress, Simone Bonanni e Yigit Bora – si aggiudicano l’attestato Targa Giovani – XXIII Premio Compasso d’Oro con il progetto di tesi ATMO, un casco progettato in collaborazione con GIVI.

Authors: Administrator

Leggi originale su: http://www.careernews.it/89152-universita-politecnica-marche-battino-ied-design-roma-compasso-oro-adi/

 

Menu Principale

Risorse Utili