Ordinanza Papalia: la Corte di Giustizia boccia l’interpretazione della Cassazione sui contratti a termine nel pubblico impiego

E-mail Stampa PDF

Con ordinanza del 12 dicembre 2013, resa nella causa C-50/13 (Rocco Papaliacontro Comune di Aosta), la Corte di Giustizia dell’Unione europea torna ancora una volta sulla disciplina dei contratti a termine stipulati dalle pubbliche amministrazioni in Italia.La pronuncia in questione assume importanza notevolissima, giacché boccia l’interpretazione fornita dalla Corte Suprema di Cassazione tesa ad escludere ogni presunzione d’esistenza di danno in capo ai lavoratori a termine del settore pubblico nell’ipotesi di utilizzo abusivo dei medesimi.Secondo la Corte di Giustizia, segnatamente, «L’accordo quadro sul lavoro a tempo determinato, concluso il 18 marzo 1999, che figura in allegato alla direttiva 1999/70/CE del Consiglio, del 28 giugno 1999, relativa all’accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato, dev’essere interpretato nel senso che esso osta ai provvedimenti previsti da una normativa nazionale, quale quella oggetto del procedimento principale, la quale, nell’ipotesi di utilizzo abusivo, da parte di un datore di lavoro pubblico, di una successione di contratti di lavoro a tempo determinato, preveda soltanto il diritto, per il lavoratore interessato, di ottenere il risarcimento del danno che egli reputi di aver sofferto a causa di ciò, restando esclusa qualsiasi trasformazione del rapporto di lavoro a tempo determinato in un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, quando il diritto a detto risarcimento è subordinato all’obbligo, gravante su detto lavoratore, di fornire la prova di aver dovuto rinunciare a migliori opportunità di impiego, se detto obbligo ha come effetto di rendere praticamente impossibile o eccessivamente difficile l’esercizio, da parte del citato lavoratore, dei diritti conferiti dall’ordinamento dell’Unione.Spetta al giudice del rinvio valutare in che misura le disposizioni di diritto nazionale volte a sanzionare il ricorso abusivo, da parte della pubblica amministrazione, a una successione di contratti o rapporti di lavoro a tempo determinato siano conformi a questi principi».

Corte di Giustizia dell’UE, ordinanza 12 dicembre 2013, causa C-50/13 (.pdf)

Stampa

Authors: Clemente Massimiani

Leggi originale su: http://www.dirittolavoro.com/2014/01/07/ordinanza-papalia-la-corte-di-giustizia-boccia-linterpretazione-della-cassazione-sui-contratti-termine-nel-pubblico-impiego/

 

Menu Principale

Risorse Utili