Cassazione: differenze tra danno da mobbing e danno alla professionalità. Ecco il testo della sentenza

E-mail Stampa PDF
image

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 172 dell'8 Gennaio 2014.In tema di tutela del lavoro ildanno alla professionalità è circostanza ben differente dal danno psichico e fisico causato dalmobbing; se il secondo consiste nella sofferenza del soggetto causata da trattamenti umanamente degradanti ad opera di superiori gerarchici o da colleghi in genere, il danno professionale è espressamente collegato aldemansionamento del lavoratore, protratto nel tempo. Comportamento che può nello specifico comportare unaperdita di opportunità lavorative per il dipendente. Le due figure sono quindi ben distinte e l'accertamento dell'una non implica automatica insorgenza dell'obbligo di risarcimento del danno anche per l'altra.

Nel caso di specie il giudice ha accertato l'evento mobbing a carico del ricorrente - nella specie, provvedimenti disciplinari privi di fondamento e trasferimenti illegittimi - al quale è stato riconosciuto il risarcimento deldanno biologico. Il fatto che il giudice del merito abbia accolto la domanda di risarcimento relativa al mobbing mentre abbia rigettato quella collegata al danno alla professionalità, secondo la Suprema Corte, non è assolutamente illogico; la circostanza del demansionamento va provata (cosa in questo caso non avvenuta) e l'onere della prova resta pur sempre a carico del dipendente. Il ricorso proposto dal dipendente interessato, proposto impugnando la sentenza d'appello di accoglimento parziale, è quindi rigettato dalla Corte di Cassazione. Vai al testo della sentenza 172/2014(13/01/2014 - Licia Albertazzi)Lascia un commentoUltimi commentiCita nel tuo sitoSalva in PDF

Authors: Studio Cataldi

Leggi originale su: http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_14958.asp

 

Menu Principale

Risorse Utili