Applicazione dei nuovi parametri forensi ai giudizi in corso

E-mail Stampa PDF

Le vecchie tariffe forensi devono intendersi integralmente abrogate in seguito all’entrata in vigore del D.M. Giustizia n. 55/2014. Secondo la giurisprudenza del Tribunale di Milano, infatti, le precedenti tariffe “debbono intendersi integralmente abrogate in quanto: 1) gli artt. 13 comma VI, I comma III, l. 247/2012 configurano un sistema biennale di regolamentazione nella materia dei compensi forensi profilando una ipotesi esplicita di successione normativa in cui i nuovi parametri sono abrogativi dei precedenti; 2) il DM 55/2014 prevede una specifica disciplina di diritto intertemporale (art. 28) e copre con il sistema dell’applicazione analogica (art. 3) i casi non espressamente regolati, così configurando un regime giuridico «chiuso» che non lascia spazio al DM 140/2012” (Trib. Milano, Sez. IX, Decreto 9 aprile 2014, Est. Buffone).Precisa, inoltre, l’autorevole giurisprudenza meneghina che il DM 140/2012 deve “intendersi abrogato in quanto il DM 55/2014 regolamenta ex novo l’intera materia dei compensi forensi con una disciplina di nuovo conio (cd. abrogazione implicita) e, là dove non conferma disposizioni che erano presenti nel DM del 2012, mette mano ad una precisa scelta legislativa che prevale sulla precedente (abrogazione tacita)” (ibidem).In ragioni di tali premesse, i nuovi parametri per i compensi professionali forensi fissati dal DM 55/2014, in seguito all’entrata in vigore del Decreto Ministeriale, sono stati applicati al procedimento monitorio incardinato sotto la vigenza della precedente disciplina.

Stampa

Posted in Contenzioso, Decreto ingiuntivo, Giudizio, Giurisprudenza, Tariffe professionali | Tagged contenzioso, decreto ingiuntivo, giudizio, giurisprudenza, tariffe professionali |

Authors: Clemente Massimiani

Leggi originale su: http://www.dirittolavoro.com/2014/04/20/applicazione-dei-parametri-forensi-giudizi-in-corso/

 

Menu Principale

Risorse Utili