Legge 104: con un`invalidità al 70% si ha diritto ai benefici?

E-mail Stampa PDF
image

La valutazione della condizione di handicap non strettamente connessa a una determinata percentuale di invalidit

di Valeria ZeppilliLa legge 104/1992 prevede una serie di sussidi riservati alle persone affette da disabilite a coloro che si occupano della loro assistenza.

A tal proposito, bisogna fare un'importante distinzione preliminare: l'handicap cosa diversa dall'invalidit e mentre quest'ultima il presupposto di numerosi sussidi previdenziali, il primo ad essere il presupposto specifico dei benefici che invece sono riconosciuti dalla legge 104.

I destinatari della legge 104

L'articolo 3 di tale legge, in particolare, nell'individuare gli aventi diritto alle prestazioni da essa previste stabilisce che persona handicappata quella che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che le cagiona difficolt di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa. Tale minorazione deve essere tale da determinare in capo a chi la soffre un processo di svantaggio sociale o di emarginazione.

Ci premesso, l'articolo 3 prosegue affermando che le prestazioni stabilite dalla legge 104 spettano alla persona handicappata in relazione alla natura e alla consistenza della sua minorazione, alla capacit complessiva individuale che le residua e all'efficacia di terapie riabilitative.

In ogni caso, laddove l'autonomia personale sia ridotta in modo tale da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale, la situazione di handicap assume connotazione di gravit con conseguente priorit nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici.

Valutazione dell'handicap

Dal testo dell'articolo 3, insomma, emerge chiaramente che la valutazione dell'handicap (al contrario di quanto avviene, ad esempio, in caso di invalidit) non connessa strettamente a criteri medico-legali. Essa, piuttosto, fatta tenendo conto dell'incidenza della minorazione del soggetto che intende beneficiare delle prestazioni sulla sua vita sociale e quotidiana e dei disagi che gli crea nella quotidianit.

Ci vuol dire che il riconoscimento dell'handicap e, quindi, dei benefici di cui alla legge 104 non collegato in maniera automatica a una certa percentuale di invalidit, ma influenzato da una serie di fattori esterni, sociali e relazionali.

Incidenza dell'invalidit al 70%

Pertanto, dal solo dato del riconoscimento di un'invalidit al 70% (che peraltro affidato alla medesima Commissione che valuta l'handicap) non possibile far discendere automaticamente il riconoscimento dei benefici fiscali e assistenziali riconosciuti dalla legge 104/1992.

Pu dirsi tuttavia assai probabile che una tale invalidit, specie se connessa a determinate patologie, porti al riconoscimento dello stato di portatore di handicap.

Peraltro si segnala che nel verbale che viene rilasciato all'esito della visita con la quale riconosciuto il diritto al beneficio, si distingue tra portatore di handicap, portatore di handicap con invalidit in misura superiore ai 2/3 (quindi anche quello con invalidit al 70%) e portatore di handicap in situazione di gravit.

Concorsi pubblici

Solo in due casi la legge 104 fa riferimento espresso anche alla misura dell'invalidit della persona affetta da handicap, in entrambi i casi con riferimento ai concorsi pubblici.

All'articolo 20, infatti, si stabilisce che la persona handicappata che sia affetta da un'invalidit pari almeno all'80% esonerata dall'eventuale prova preselettiva.

All'articolo 21, invece, previsto che la persona handicappata con un grado di invalidit superiore ai due terzi (oltre che quella che riporti minorazioni iscritte alle categorie prima, seconda e

terza della tabella A annessa alla legge numero 648/1950), qualora risulti vincitrice di un concorso o comunque sia assunta presso un ente pubblico, ha il diritto di scelta prioritaria tra le sedi che si rendono disponibili.

Vai alla guida: "La legge 104: i permessi retribuiti. Vademecum e testo della legge"

Authors: Studio Cataldi

Leggi originale su: http://www.studiocataldi.it/articoli/24043-legge-104-con-un-invalidita-al-70-si-ha-diritto-ai-benefici.asp

 

Menu Principale

Risorse Utili